Premessa

La legge 9 gennaio 2004, n. 4 “Disposizioni per favorire l’;accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici” richiede di stabilire, con decreto del Ministro per l’innovazione e le tecnologie (Art. 11):

a) le linee guida recanti i requisiti tecnici e i diversi livelli per l’accessibilità;

b) le metodologie tecniche per la verifica dell’accessibilità dei siti INTERNET, nonché i programmi di valutazione assistita utilizzabili a tale fine.

La definizione dei requisiti tecnici di cui al punto a) costituisce un punto di riferimento per le pubbliche amministrazioni:

1. nelle procedure per l’acquisto di beni e per la fornitura di servizi informatici, in quanto tali requisiti vengono considerati motivo di preferenza a parità di ogni altra condizione nella valutazione dell’offerta tecnica;

2. nella stipula di contratti per la realizzazione e la modifica di siti Internet, in quanto detti requisiti devono essere rispettati a pena di nullità del contratto;

3. nella stipula di eventuale rinnovo, modifica o novazione degli stessi contratti in essere alla data di entrata in vigore del decreto, anche qui a pena di nullità;

4. per la concessione, a privati, di contributi pubblici per l’acquisto di beni e servizi informatici destinati all’utilizzo da parte di lavoratori disabili o del pubblico, anche per la predisposizione di postazioni di telelavoro, in quanto tale concessione di contributi è subordinata al rispetto dei cennati requisiti.

Ne consegue che i requisiti tecnici e i livelli per l’accessibilità devono essere definiti per:

1. i beni informatici, intesi in senso lato come insieme di hardware, software di base, programmi utente, ecc.

2. i programmi per mezzo dei quali la Pubblica Amministrazione e le Aziende concessionarie erogano servizi agli utenti,

3. i siti Internet, per i quali si devono anche stabilite le metodologie tecniche per la verifica dell’accessibilità, nonché i programmi di valutazione assistita utilizzabili a tale fine.

In merito ai siti Internet, nell’ambito della Segreteria tecnico-scientifica della “Commissione interministeriale permanente per l’impiego delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione a favore delle categorie deboli o svantaggiate”, sono stati costituiti due specifici gruppi di lavoro denominati rispettivamente “Metodologia” e “Regole tecniche”, dei quali fanno parte esperti in materia appartenenti a Pubblica Amministrazione Centrale e Locale, Associazioni di categoria di disabili, CNR, Università, Associazioni di produttori di hardware e software e di sviluppatori.

I due gruppi di lavoro hanno elaborato il presente “Studio sulle linee guida recanti i requisiti tecnici e i diversi livelli per l’accessibilità e le metodologie tecniche per la verifica dell’accessibilità” che è finalizzato alla progettazione, realizzazione e valutazione dei siti Web pubblici e che intende fornire un contributo tecnico per la stesura del decreto ministeriale.

Per la definizione delle linee guida e dei requisiti tecnici relative ai beni informatici e agli servizi informatici è già all’opera un apposito gruppo di lavoro.

Hanno collaborato al presente studio:

Pierluigi Arnao, ASPHI
Sebastiano Bagnara, Politecnico Milano
Andrea Bernardini, Fondazione Ugo Bordoni
Fabrizio Bianchi, FEDERCOMIN
Brunello Bonanni, ASSINFORM / IBM
Laura Burzagli, IFAC – CNR
Anna Callori, FEDERCOMIN / FINSIEL
Bianca Maria Cammino, ABI
Anna Maria Comito, PCM – Dipartimento Politiche Comunitarie
Daniela D’Aloisi, Fondazione Ugo Bordoni
Antonio De Vanna, CNIPA – Coordinatore Segreteria Tecnico Scientifica
Mario Di Domenicantonio, PCM- Dipartimento Innovazione e Tecnologie
Lidia Di Minco, Ministero Sanità
Pier Luigi Emiliani, IFAC – CNR
Claudio Forghieri, Comune di Modena
Giovanni Grazia, Regione Emilia Romagna
Paolo Graziani, IFAC – CNR
Barbara Leporini, Unione Italiana Ciechi
Danilo Lombardi, ASSINFORM / SUN
Luisa Marucci, ISTI – CNR
Alberto Masini, ASSINFORM / Microsoft
Raffaela Morichini, ASSINFORM / IBM
Domenico Natale, UNINFO – SOGEI
Giuseppe Neri, ASSINFORM
Roberto Santolamazza, Certicommerce
Roberto Scano, WCAG Working Group e ATAG Working Group
Oreste Signore, ISTI – CNR, Ufficio Italiano W3C
Cinzia Stortone, SOGEI
Cristina Tamburini, Ministero Sanità

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Condividi:

Informazioni sull'autore

Roberto Scano
Roberto Scano
  • Seguilo su

Roberto Scano si occupa di accessibilità dall'inizio del millennio. Ha collaborato allo sviluppo delle WCAG 2.0, delle ATAG 2.0 nonché della normativa italiana in materia di accessibilità. Autore di tre libri in materia, è consulente e formatore nell'ambito della tematica della qualità dei servizi delle P.A. e delle aziende.

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    Link e informazioni