Introduzione

Il presente documento è frutto del coordinamento e dell’impegno congiunto realizzato da banche, partner tecnologici, associazioni di disabili; si è avvalso inoltre del prezioso contributo del Dipartimento per l’Innovazione e le Tecnologie della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Obiettivi del documento

Il documento si pone i seguenti scopi:

  • Sensibilizzare le Direzioni degli Associati su un tema ancora poco conosciuto, ma di elevato impatto sociale come l’accessibilità;
  • Illustrare in cosa consiste un servizio di home banking accessibile, a chi si rivolge e quali sono i benefici attesi per la clientela e per la banca;
  • Indicare riferimenti e standard esistenti a livello nazionale e internazionale;
  • Fornire un supporto metodologico alle banche che intendano migliorare l’accessibilità dei propri servizi on-line, tramite indicazioni pragmatiche e di pronta utilità.

Il Gruppo di Lavoro ha scelto di dare al presente documento un’impostazione non tecnica, poiché ritiene che il tema dell’accessibilità vada primariamente affrontato a livello direzionale, in quanto esso ha impatti sugli aspetti strategici, organizzativi e culturali della banca, non solamente su quelli tecnologici.

Pertanto, sono state limitate il più possibile descrizioni e analisi di carattere puramente tecnico, che potrebbero peraltro divenire presto obsolete. Si rimanda per approfondimenti a standard internazionali, testi e risorse on-line specifici sull’argomento, riportati in bibliografia.

Struttura del documento

Il documento è strutturato in due parti, integrate da un’appendice. La prima parte (par. 1 e 2) dà un inquadramento generale della tematica dell’accessibilità e delle barriere tecnologiche che possono precludere alle categorie deboli – disabili e anziani – la piena partecipazione alla Società dell’Informazione. Per dare una dimensione del fenomeno, vengono presentati dati relativi al numero di disabili in Europa e in Italia; viene quindi offerta una panoramica delle tecnologie assistive utilizzate da alcune tipologie di disabili e sono evidenziati i problemi

riscontrati dalle categorie deboli nell’accesso alle informazioni e ai servizi sul web. Vi è infine l’indicazione degli standard di riferimento, nazionali e internazionali, sul tema.

Nella seconda parte (par. 3 e 4), il concetto di accessibilità viene contestualizzato ai servizi bancari on-line. Sono qui evidenziati i vantaggi dell’home banking accessibile e vengono forniti alcuni principi, indicazioni e accorgimenti pratici da seguire per allargare il potenziale bacino d’utenza dei propri servizi ai disabili, agli anziani e alle persone che non hanno familiarità con le tecnologie.

In appendice sono riportati un “decalogo”, più prettamente tecnico, che riassume le regole basilari per l’accessibilità dei siti web, e un glossario, che riporta i termini rilevanti e gli acronimi utilizzati nel documento.

 

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

  • 3.1. Accessibilità dei servizi di home banking3.1. Accessibilità dei servizi di home banking L’home banking è il sistema utilizzato dalle banche per l’erogazione a distanza di servizi e prodotti rivolti alla clientela (il cliente “da […]
  • 4. Linee guida4. Linee guida Con l’avvento di Internet si è affermata l’idea che, per sfruttare il mezzo nel modo più efficiente ed economicamente redditizio, fosse necessario […]
  • 3. Banche e accessibilità3. Banche e accessibilità Il tema dell’accessibilità trova una sua precisa collocazione nell’ambito della responsabilità sociale delle imprese bancarie, un innovativo […]
  • ABI – Linee Guida per l’accessibilità dei servizi di home bankingABI – Linee Guida per l’accessibilità dei servizi di home banking Premessa In esecuzione delle decisioni prese in sede ABI dalla Commissione Tecnica per le Tecnologie e la Sicurezza, il Gruppo di Lavoro che ha assunto la […]
  • 2.3. Validazione pratica2.3. Validazione pratica Le regole formali sopra menzionate sono un punto di partenza imprescindibile, ma devono essere integrate da una validazione pratica e da uno studio di […]
Condividi:

Informazioni sull'autore

Roberto Castaldo
Roberto Castaldo
Sono nato e vivo a Napoli, ed opero professionalmente nel mondo dell'informatica da più di vent'anni. In realtà l'informatica, insieme alla musica e ad altre poche cose, è stato da sempre un mio chiodo fisso, e la buona sorte mi ha aiutato a trasformarlo in un mestiere. Sin dalle mie primissime esperienze lavorative - insegnavo dattilografia ed i primi rudimenti di informatica in una scuola privata - mi sono trovato a mio agio nel settore della formazione e della divulgazione, certamente aiutato dai miei studi classici. Nel 1987 ho iniziato la mia attività come insegnante d'informatica in un Istituto Professionale Statale - per circa due anni sono stato il più giovane insegnante di ruolo d'Italia. Ho avuto svariate esperienze anche nel settore privato come sviluppatore (TPascal - lo ricordate? - VB, ASP e, più di recente VB.NET ed ASP.NET), ma soprattutto come docente e come divulgatore. Ho effettuato attività di formazione presso le più grandi realtà imprenditoriali italiane (IBM, Omnitel, Telecom Italia, TIM, Unicredito, Ekip, BNL, SSGRR), ma anche all'estero in qualità di docente e/o progettista di percorsi formativi; gli argomenti spaziano dal mondo Office fino al multimedia ed alla programmazione avanzata ASP ed ASP.NET. Ho collaborato con l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli, ho redatto articoli/tutorial per un'importante rivista informatica (Win98 Magazine), ed ho partecipato allo sviluppo di CD-Rom Multimediali (IBM, Selfin, BNL) curando personalmente la registrazione dei commenti audio ed il montaggio delle musiche (CoolEdit), l'eventuale connessione a database remoti, l'assemblaggio degli elementi testuali, grafici e multimediali (Director 8) fino alla creazione del master definitivo. Negli anni 1998-2000 ho collaborato con la Gazzetta dello Sport Online curando, in occasione dei più importanti avvenimenti sportivi (Mondiali ed Europei di calcio, Giro d'Italia, Campionato di Serie A) le pagine contenenti la traduzione in inglese e francese degli articoli in italiano. Il mio compito consisteva nell'inviare ai miei traduttori la cronaca in italiano, riceverne la traduzione, creare le pagine inglesi e francesi del sito www.gazzetta.it e pubblicarle sul server, il tutto entro 90 minuti dalla fine dell'evento. Nel frattempo, mi avvicinavo in maniera sempre più approfondita alle problematiche legate all'accessibilità di siti web, progettando percorsi di formazione ad hoc, ed aderendo entusiasticamente al progetto webaccessibile.org. Sono stato per diversi mesi membro del XML Protocol Working Group del W3C, ed attualmente partecipo ai lavoro del WAI Web Content Accessibility Guidelines (WCAG) Working Group e del E&O Education ad Outreach Working Group.

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    Link e informazioni