4.2. Un approccio graduale e scalabile

Muovere verso l’accessibilità comporta uno sforzo organizzativo, tecnologico e culturale che coinvolge l’intera banca. D’altro canto, è necessario evolvere il proprio servizio senza pregiudicare in alcun modo la continuità di quello esistente, mantenendo al contempo la coerenza con i processi organizzativi e lasciando inalterate le attuali procedure interne.

L’esperienza delle aziende che già hanno affrontato questo percorso suggerisce di scegliere un approccio graduale. Si ritiene infatti che non convenga approcciare il problema in un’ottica di revisione totale del sito, ma possa risultare più opportuno iniziare affiancando alla versione preesistente alcuni servizi online accessibili, in grado di portare un immediato valore aggiunto alla clientela attuale e potenziale.

Nel tempo si può procedere a unificare le due versioni in una logica di progettazione universale (cosiddetto Design for all). Nel contempo, è necessario prestare attenzione a che eventuali nuove pagine web e nuovi servizi on-line siano sviluppati in maniera accessibile ab origine.

L’approccio da seguire e l’individuazione delle aree con maggiore priorità di intervento sono altamente soggettivi, dipendendo dalla complessità delle varie componenti e dalle tecnologie utilizzate per il loro sviluppo.

I siti di e-banking, rispetto a quelli di altre istituzioni non bancarie, si caratterizzano per due aspetti fondamentali: la transazionalità commerciale (con problematiche di sicurezza comuni ai siti di e-commerce), e la comunicazione/variazione di dati estremamente sensibili giacché riguardano direttamente la situazione patrimoniale del cliente.

Occorre quindi affrontare l’evoluzione verso la massima accessibilità tenendo conto delle suddette peculiarità, con un approccio scalabile dettato dalle priorità commerciali dell’Istituto, in funzione delle esigenze di sicurezza e di interattività.

Sotto quest’aspetto, il progetto di revisione per l’accessibilità può essere affrontato scalando gli interventi su quattro componenti, caratterizzate da complessità e obiettivi differenti:

Presentazione istituzionale e commerciale dell’Istituto, aperta a tutti i potenziali clienti quindi a tutti gli utenti Internet, caratterizzata da obiettivi di massima diffusione ed efficacia dei messaggi informativi, ma da bassa interattività con l’utente. È la componente tecnicamente meno critica, anche se i costi possono variare in funzione, per esempio, del numero delle pagine pre-esistenti e di quanto si è fatto ricorso a soluzioni grafiche di effetto per rendere esteticamente più accattivante il sito.

Servizi di home banking informativi, dedicati alla clientela dell’istituto che ha sottoscritto un apposito contratto di servizio. Sono i servizi più utilizzati e appetibili dai cittadini con diverse disabilità e dagli anziani con poca confidenza con gli strumenti informatici. Rispetto alla componente precedente (presentazione erga omnes) si aggiungono le problematiche della sicurezza e della privacy su informazioni sensibili, seppur limitate all’inizio del collegamento, poiché non vi è comunque movimentazione di denaro.

Servizi di home banking dispositivi, aggiungono la criticità tecnica della complessità di una elevata interattività transazionale su argomenti finanziari, dove occorre coniugare semplicità d’uso con dettaglio informativo e precisione nella comunicazione. Anche nell’ambito di questa stessa componente si può graduare nel tempo il numero e la complessità dei servizi resi accessibili.

Trading on line, in questo caso l’ulteriore elemento di complessità nasce dal coinvolgimento di fornitori esterni che erogano dati o informazioni in forma non pienamente accessibile. Si ritiene tuttavia che un servizio di trading online accessibile vada oltre le esigenze di operatività on-line della grande maggioranza dei clienti.

 

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

  • 3.1. Accessibilità dei servizi di home banking3.1. Accessibilità dei servizi di home banking L’home banking è il sistema utilizzato dalle banche per l’erogazione a distanza di servizi e prodotti rivolti alla clientela (il cliente “da […]
  • 4.4. Accorgimenti per realizzare un servizio di e-banking accessibile4.4. Accorgimenti per realizzare un servizio di e-banking accessibile Moduli Uno dei punti focali di interazione tra utente e banca nell’home banking sono i moduli (meglio conosciuti come “form”). È necessario […]
  • 4. Linee guida4. Linee guida Con l’avvento di Internet si è affermata l’idea che, per sfruttare il mezzo nel modo più efficiente ed economicamente redditizio, fosse necessario […]
  • CreditsCredits Allo scopo di abbattere le barriere “tecnologiche”, le associazioni dei disabili e degli sviluppatori si adoperano per sensibilizzare i webmaster a una […]
  • 2.3. Validazione pratica2.3. Validazione pratica Le regole formali sopra menzionate sono un punto di partenza imprescindibile, ma devono essere integrate da una validazione pratica e da uno studio di […]
Condividi:

Informazioni sull'autore

Roberto Castaldo
Roberto Castaldo
Sono nato e vivo a Napoli, ed opero professionalmente nel mondo dell'informatica da più di vent'anni. In realtà l'informatica, insieme alla musica e ad altre poche cose, è stato da sempre un mio chiodo fisso, e la buona sorte mi ha aiutato a trasformarlo in un mestiere. Sin dalle mie primissime esperienze lavorative - insegnavo dattilografia ed i primi rudimenti di informatica in una scuola privata - mi sono trovato a mio agio nel settore della formazione e della divulgazione, certamente aiutato dai miei studi classici. Nel 1987 ho iniziato la mia attività come insegnante d'informatica in un Istituto Professionale Statale - per circa due anni sono stato il più giovane insegnante di ruolo d'Italia. Ho avuto svariate esperienze anche nel settore privato come sviluppatore (TPascal - lo ricordate? - VB, ASP e, più di recente VB.NET ed ASP.NET), ma soprattutto come docente e come divulgatore. Ho effettuato attività di formazione presso le più grandi realtà imprenditoriali italiane (IBM, Omnitel, Telecom Italia, TIM, Unicredito, Ekip, BNL, SSGRR), ma anche all'estero in qualità di docente e/o progettista di percorsi formativi; gli argomenti spaziano dal mondo Office fino al multimedia ed alla programmazione avanzata ASP ed ASP.NET. Ho collaborato con l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli, ho redatto articoli/tutorial per un'importante rivista informatica (Win98 Magazine), ed ho partecipato allo sviluppo di CD-Rom Multimediali (IBM, Selfin, BNL) curando personalmente la registrazione dei commenti audio ed il montaggio delle musiche (CoolEdit), l'eventuale connessione a database remoti, l'assemblaggio degli elementi testuali, grafici e multimediali (Director 8) fino alla creazione del master definitivo. Negli anni 1998-2000 ho collaborato con la Gazzetta dello Sport Online curando, in occasione dei più importanti avvenimenti sportivi (Mondiali ed Europei di calcio, Giro d'Italia, Campionato di Serie A) le pagine contenenti la traduzione in inglese e francese degli articoli in italiano. Il mio compito consisteva nell'inviare ai miei traduttori la cronaca in italiano, riceverne la traduzione, creare le pagine inglesi e francesi del sito www.gazzetta.it e pubblicarle sul server, il tutto entro 90 minuti dalla fine dell'evento. Nel frattempo, mi avvicinavo in maniera sempre più approfondita alle problematiche legate all'accessibilità di siti web, progettando percorsi di formazione ad hoc, ed aderendo entusiasticamente al progetto webaccessibile.org. Sono stato per diversi mesi membro del XML Protocol Working Group del W3C, ed attualmente partecipo ai lavoro del WAI Web Content Accessibility Guidelines (WCAG) Working Group e del E&O Education ad Outreach Working Group.

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    Link e informazioni