3.1. Accessibilità dei servizi di home banking

L’home banking è il sistema utilizzato dalle banche per l’erogazione a distanza di servizi e prodotti rivolti alla clientela (il cliente “da casa” comunica con la propria banca).

Con la diffusione dei personal computer e delle tecnologie di rete la fruizione dei servizi di home banking è oggi assicurata principalmente dal canale Internet (Internet banking o e-banking), progettato come canale complementare alle filiali nel contatto banca – clientela.

Sul canale Internet si basano oggi i principali servizi innovativi di contatto remoto con la clientela e la grandissima parte delle banche offre alla clientela un sito web per accedere alle iniziative e “navigare” tra le offerte commerciali dell’Istituto.

L’Internet banking assolve molteplici funzioni nella relazione tra banca e clientela:

  • Consente una presentazione e una conoscenza dell’Istituto e delle sue iniziative, anche sociali;
  • Offre un’informativa sui nuovi prodotti offerti ai clienti;
  • Riserva un accesso a funzioni dedicate alla clientela della banca su canale telematico (servizi informativi, servizi dispositivi, trading on-line, etc.).

Se un servizio di home banking consente al cliente della banca di effettuare movimenti sul proprio conto corrente senza limiti di tempo e di luogo, l’home banking accessibile offre ai disabili qualcosa in più: emancipazione e riappropriazione della privacy. L’offerta di servizi complessi come quelli bancari normalmente comporta una transazione “reale”, che richiede spostamenti e difficoltà di vario genere: offrire un canale alternativo per compiere il maggior numero possibile di operazioni in autonomia è il vantaggio principale che l’ebanking accessibile può dare.

Inoltre, è necessario ricordare che il disabile, e in particolar modo il disabile visivo, deve rinunciare alla propria privacy per la necessità di un intervento da parte di terze persone, spesso estranee, per svolgere le operazioni relative alla gestione della propria situazione finanziaria. Lo “sportello on-line” accessibile consente al disabile di operare sul proprio conto corrente direttamente dal computer di casa, in autonomia e con la piena salvaguardia della privacy.

Ma i vantaggi, come detto, non sono solo per gli utenti disabili; la generalità della clientela beneficerà di:

  • Massima compatibilità tecnologica: un sito accessibile è più facilmente fruibile anche su piattaforme non standard (palmari, cellulari di terza generazione, PDA, web TV, etc.);
  • Maggiore facilità d’uso: l’usabilità è condizione necessaria dell’accessibilità;
  • Maggiore velocità di caricamento delle pagine e quindi tempi di navigazione inferiori (es. preferibile per chi ha una connessione lenta a Internet);
  • Semplicità ed efficacia dell’interfaccia, senza rinunciare alla sua gradevolezza: l’accessibilità non richiede rinunce “estetiche”.

E i vantaggi sono rilevanti anche per la banca:

  • Allargamento del target cui rivolgere la propria offerta;
  • Miglioramento della reputazione;
  • Risparmio nei costi di gestione, manutenzione e aggiornamento dei contenuti;
  • Crescita delle competenze tecnologiche interne;
  • Maggiore flessibilità e modularità degli applicativi;
  • Minore banda occupata e minor affaticamento del server della banca.

 

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

  • IntroduzioneIntroduzione Il presente documento è frutto del coordinamento e dell’impegno congiunto realizzato da banche, partner tecnologici, associazioni di disabili; si è […]
  • 4.2. Un approccio graduale e scalabile4.2. Un approccio graduale e scalabile Muovere verso l’accessibilità comporta uno sforzo organizzativo, tecnologico e culturale che coinvolge l’intera banca. D’altro canto, è […]
  • 4. Linee guida4. Linee guida Con l’avvento di Internet si è affermata l’idea che, per sfruttare il mezzo nel modo più efficiente ed economicamente redditizio, fosse necessario […]
  • 4.4. Accorgimenti per realizzare un servizio di e-banking accessibile4.4. Accorgimenti per realizzare un servizio di e-banking accessibile Moduli Uno dei punti focali di interazione tra utente e banca nell’home banking sono i moduli (meglio conosciuti come “form”). È necessario […]
  • 4.5. Approfondimento sugli aspetti di sicurezza4.5. Approfondimento sugli aspetti di sicurezza Nell’ambito delle applicazioni di home banking, erogate attraverso l’utilizzo della rete Internet, gli aspetti di sicurezza assumono un ruolo fondamentale […]
Condividi:

Informazioni sull'autore

Roberto Castaldo
Roberto Castaldo
Sono nato e vivo a Napoli, ed opero professionalmente nel mondo dell'informatica da più di vent'anni. In realtà l'informatica, insieme alla musica e ad altre poche cose, è stato da sempre un mio chiodo fisso, e la buona sorte mi ha aiutato a trasformarlo in un mestiere. Sin dalle mie primissime esperienze lavorative - insegnavo dattilografia ed i primi rudimenti di informatica in una scuola privata - mi sono trovato a mio agio nel settore della formazione e della divulgazione, certamente aiutato dai miei studi classici. Nel 1987 ho iniziato la mia attività come insegnante d'informatica in un Istituto Professionale Statale - per circa due anni sono stato il più giovane insegnante di ruolo d'Italia. Ho avuto svariate esperienze anche nel settore privato come sviluppatore (TPascal - lo ricordate? - VB, ASP e, più di recente VB.NET ed ASP.NET), ma soprattutto come docente e come divulgatore. Ho effettuato attività di formazione presso le più grandi realtà imprenditoriali italiane (IBM, Omnitel, Telecom Italia, TIM, Unicredito, Ekip, BNL, SSGRR), ma anche all'estero in qualità di docente e/o progettista di percorsi formativi; gli argomenti spaziano dal mondo Office fino al multimedia ed alla programmazione avanzata ASP ed ASP.NET. Ho collaborato con l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli, ho redatto articoli/tutorial per un'importante rivista informatica (Win98 Magazine), ed ho partecipato allo sviluppo di CD-Rom Multimediali (IBM, Selfin, BNL) curando personalmente la registrazione dei commenti audio ed il montaggio delle musiche (CoolEdit), l'eventuale connessione a database remoti, l'assemblaggio degli elementi testuali, grafici e multimediali (Director 8) fino alla creazione del master definitivo. Negli anni 1998-2000 ho collaborato con la Gazzetta dello Sport Online curando, in occasione dei più importanti avvenimenti sportivi (Mondiali ed Europei di calcio, Giro d'Italia, Campionato di Serie A) le pagine contenenti la traduzione in inglese e francese degli articoli in italiano. Il mio compito consisteva nell'inviare ai miei traduttori la cronaca in italiano, riceverne la traduzione, creare le pagine inglesi e francesi del sito www.gazzetta.it e pubblicarle sul server, il tutto entro 90 minuti dalla fine dell'evento. Nel frattempo, mi avvicinavo in maniera sempre più approfondita alle problematiche legate all'accessibilità di siti web, progettando percorsi di formazione ad hoc, ed aderendo entusiasticamente al progetto webaccessibile.org. Sono stato per diversi mesi membro del XML Protocol Working Group del W3C, ed attualmente partecipo ai lavoro del WAI Web Content Accessibility Guidelines (WCAG) Working Group e del E&O Education ad Outreach Working Group.

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    Link e informazioni