Bussola della trasparenza e monitoraggio obiettivi di accessibilità

Bussola della trasparenza e monitoraggio obiettivi di accessibilità

Entro il 31 marzo di ogni anno le P.A. devono pubblicare gli obiettivi di accessibilità per l’anno corrente. Ciò è previsto dall’art. 9 del DL 179/2012 (Decreto Crescita 2) con responsabilità dirigenziali in caso di omessa pubblicazione.  A tal proposito l’Agenzia per l’Italia Digitale aveva predisposto una circolare, la n. 61/2013, già descritta in un precedente articolo. In tale documento l’amministrazione deve indicare i propri obiettivi di accessibilità, utilizzando come guida i due allegati alla circolare per comprendere la necessità di produrre servizi, informazioni e contenuti accessibili.

In tema di accessibilità impatta anche il decreto 33/2013 dove si parla di contenuti fruibili e riutilizzabili, segno che l’accessibilità è tema concatenato alla trasparenza amministrativa. A tal proposito esiste uno strumento specifico, la bussola della trasparenza, che da oggi consente di verificare anche la presenza della dichiarazione degli obiettivi di accessibilità come previsto anche dall’allegato 1 della delibera CIVIT n. 50/2013, che sarà oggetto di monitoraggio da parte degli OIV entro il 31 gennaio 2014.

La Bussola della Trasparenza consente alle pubbliche amministrazioni e ai  cittadini di utilizzare strumenti per l’analisi ed il monitoraggio dei siti web.  Il principale obiettivo è di accompagnare le amministrazioni, anche attraverso il coinvolgimento diretto dei cittadini, nel miglioramento continuo della qualità delle  informazioni on-line e dei servizi digitali.

Va ricordato alle pubbliche amministrazioni che, oltre a strutturare le sezioni così come richiesto dall’allegato A al Dlgs.33/2013, occorre inserire i contenuti così come richiesto dalla norma in quanto il Dipartimento e l’Ispettorato procederanno ad un controllo analitico sulle pubblicazioni e segnaleranno le inadempienze, che la bussola non può automaticamente verificare, agli organi competenti.

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

  • Il Web per la non disabilitàIl Web per la non disabilità Nella giornata internazionale per la disabilità, cerchiamo di portare un messaggio: non si deve parlare di inclusione ma di non esclusione. Bisogna progettare con […]
  • Global Accessibility Awareness Day 2018Global Accessibility Awareness Day 2018 Da alcuni anni maggio è il mese dedicato all'accessibilità, o per meglio dire alla consapevolezza sull'accessibilità, come recita giustamente il titolo ufficiale della […]
  • Pubblicata la norma UNI CEI ISO/IEC 40500 2016Pubblicata la norma UNI CEI ISO/IEC 40500 2016 A seguito delle attività della commissione uninfo e-accessibility, è disponibile sul catalogo UNI la norma UNI CEI ISO/IEC 40500:2016 Tecnologie per l'informazione - […]
  • Quanto costa il Web per tutti?Quanto costa il Web per tutti? La normativa italiana riguardante i servizi delle Pubbliche Amministrazioni sul Web, cioè la legge Stanca 4/2004 ed il Codice per l’Amministrazione Digitale, […]
  • Comparazione WCAG 2.0 e requisiti legge Stanca: premessaComparazione WCAG 2.0 e requisiti legge Stanca: premessa Nella prima parte dell'articolo vengono approfonditi termini ed informazioni importanti per comprendere i criteri di successo delle nuove linee guida per […]
Condividi:

Informazioni sull'autore

Roberto Scano
Roberto Scano
  • Seguilo su

Roberto Scano si occupa di accessibilità dall'inizio del millennio. Ha collaborato allo sviluppo delle WCAG 2.0, delle ATAG 2.0 nonché della normativa italiana in materia di accessibilità. Autore di tre libri in materia, è consulente e formatore nell'ambito della tematica della qualità dei servizi delle P.A. e delle aziende.

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

    Link e informazioni