Perché gli autori dovrebbero preoccuparsi dei testi ALT?

Bene, per il fatto che state leggendo questo articolo spero che voi pensiate già che questa sia una buona idea, ma ho scritto comunque alcune note [3] in proposito.

Tra le maggiori “vittime” del sentiero accidentato dell’informazione vi sono quei documenti, i cui autori non prendono seriamente in considerazione i robot di indicizzazione. Ogni passo che voi percorrete verso l’accessibilità in modalità testo è, allo stesso tempo, un passo che vi rende amichevoli verso quei robot di indicizzazione; pertanto (che vi preoccupiate oppure no di un pubblico di minoranza come quello dei ciechi o degli utenti di terminali solo testuali), direi che è nel vostro proprio interesse prestare la dovuta attenzione all’accessibilità in modalità testo.

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

  • Ulteriori approfondimenti e riflessioniUlteriori approfondimenti e riflessioni Non credo davvero che i casi (a) e (b) richiedano un grande approfondimento. (c) e (d) sono invece più ambigui e non sempre risulta ovvio con quale dei due abbiamo […]
  • PrincìpiPrincìpi Mi sembra che il primo principio autoriale dell'HTML sia di trasmettere al lettore informazioni su un certo "/argomento di discussione". Che è un modo enfatico per […]
  • La scelta appropriata dei testi ALTLa scelta appropriata dei testi ALT Ha osservato Callie nella Pagina dei commenti: Molti autori non hanno capito esattamente cosa stanno cercando di presentare; essi non sanno che cosa c'è di […]
  • IntroduzioneIntroduzione Ho notato sul Web una gran confusione circa l'uso appropriato dei testi ALT nell'HTML. Benché si potrebbe discutere sui dettagli più sottili, io credo che i princìpi […]
  • HEIGHT e WIDTH?HEIGHT e WIDTH? C'è stata una lunga discussione su c.i.w.a.html sull'opportunità di fornire gli appropriati attributi HEIGHT e WIDTH per gli elementi IMG. L'idea è che il […]
Condividi:

Informazioni sull'autore

Michele Diodati
Michele Diodati
Sarò breve. Nabbi... o nacqui - scegliete la forma che preferite - a Caserta nel 1964. (... E questa è una delle pochissime volte che la città di Caserta viene nominata senza alcun riferimento ad attività criminali e fatti di camorra.) Di padre medico e madre insegnante, ho seguito studi filosofici, laureandomi a Napoli nel 1989. Dal 1989 al 1991 ho vissuto a Milano, svolgendo i lavori più disparati: da impiegato in una cartiera, fallita dopo tre mesi - non per colpa mia - a banconiere in un negozio di frullati in Corso Buenos Aires, fino ad agente immobiliare in un cantiere di Noviglio. Per la maggior parte del tempo però ho lavorato come professore itinerante: italiano, latino, greco e filosofia a domicilio, per studenti con qualche brutto voto da cancellare. I miei primi approcci con l'informatica sono datati 1984, anno in cui comprai un Commodore 64 ed imparai i primi rudimenti del Basic. Al 1993 risalgono i primi guadagni ottenuti per mezzo di strumenti informatici (manifesti pubblicitari e disegni per specchi, realizzati con CorelDRAW 3.0). Da gennaio 1996 risiedo a Roma, città nella quale ho trovato - oltre ad un inquinamento e ad un traffico micidiali - anche numerose e importanti occasioni di lavoro e di crescita professionale, nonché un patrimonio artistico e culturale inimitabile, che non basterebbe una vita intera per conoscere completamente e che mi fa sentire ricco, nonostante le tasse che quest'anno mi tocca pagare! Sono sposato felicemente (ma sì, vah...) dal 1997. Per ora purtroppo non abbiamo figli bipedi, ma da agosto 1999 abbiamo una bellissima figlia quadrupede, forse un po' scura di carnagione ma affettuosissima: è Smilla, una cagnolina abbandonata dai soliti stronzi - scusate, non ho trovato termine migliore! - su una montagna nei pressi di Frosolone, in Molise. Ci imbattemmo in lei durante una passeggiata e ci chiese cortesemente, ma fermamente, di adottarla. Così abbiamo fatto e da allora siamo inseparabili!

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    Link e informazioni