La questione tecnica

Il primo problema che, puntualmente, si trova in tutti i siti paralleli è quello della quantità ed aggiornamento delle informazioni in esso presenti.

Persino entrando dalla porta secondaria di un cinema, alla fine io riesco a vedere il film come tutti gli altri… ed invece nemmeno questo viene garantito sul web.

Non c’è niente da fare… il concetto stesso di sito parallelo si porta appresso quello di sito “secondario”; neanche quello neonato della Camera dei Deputati http://new.camera.it/ presenta un perfetto allineamento fra la versione “normale” e quella “accessibile”, pur facendo entrambe capo allo stesso database.

Anche gli ultimi tentativi di creare un sito di e-commerce, come il tanto osannato (non certo da noi)  http://www.prontospesa.it/, si scontrano contro questo muro: le informazioni presentate nel sito parallelo sono sempre diverse e disaccoppiate rispetto al sito padre, quindi il tentativo è fallito in partenza!

E poi, il concetto di sito alternativo basato su “un’interfaccia creata ad hoc per i disabili” è assolutamente inconsistente: anche volendoci soffermare soltanto sui disabili (e l’accessibilità non è solo un problema loro), ne esistono tante tipologie, ciascuna delle quali con problematiche diverse che richiederebbero diverse soluzioni. Bisognerebbe, allora avere il coraggio e la forza di creare un’interfaccia per ciascuna tipologia di utenti… ma chi lo decide quanti tipi di utenti visiteranno il mio sito? E chi decide, quindi, quante interfacce dovrò andare a sviluppare? Ciascuno di noi si comporta in maniera diversa a seconda del suo umore, del suo stato fisico, del tempo  che ha a disposizione, per cui non è possibile catalogare staticamente le tipologie di utenti e creare, per ciascuna di esse un’interfaccia ad hoc!

Ed ancora, spesso la scelta del sito alternativo è quella preferita laddove esiste già un sito funzionante e si preferisce crearne uno nuovo accessibile, piuttosto che rifare da zero quello principale! Magari l’investimento sarà anche ridotto (non è affatto detto però!!!), ma l’ideale anche in questo caso sarebbe stata la creazione di un sito unico accessibile.

Infine, è abbastanza diffusa l’errata convinzione che un sito accessibile  sia necessariamente brutto, monotono, sempre uguale, o quantomeno non bello, poco usabile, poco “appealing”. Certo, se si associa l’accessibilità al concetto di “text only”, è facile arrivare a queste conclusioni, ma siamo completamente fuori dalla realtà!

L’utilizzo sapiente dei CSS permette da una parte la separazione netta fra contenuto e forma, dall’altra la possibilità di creare diverse “skin” alternative progettate per necessità diversificate: se non ne avete un’idea, date un occhio a http://www.meyerweb.com e sopratutto a http://www.csszengarden.com e capirete cosa intendo!

Un’altra obiezione che si sente spesso è: “se io attingo i contenuti da un database e fornisco agli utenti diversi siti allineati fra di loro ma con interfacce diverse, vado verso la migliore delle soluzioni”. Si tratta di un approccio non troppo complesso da implementare con qualuque tecnologia lato server, che teoricamente permette la visualizzazione di dati aggiornati ed equivalenti fra le due (o più) versioni. Resta da risolvere il problema delle funzionalità equivalenti (le diverse versioni difficilmente riescono ad equivalersi anche su questo piano), ed in ogni caso non si risolvono affatto le problematiche di tipo strettamente etico già affrontate nella pagina precedente; senza contare che, comunque, ogni soluzione basata su più siti paralleli è espressamente “deprecata” dagli standard sull’accessibilità del Web (vedi la prossima pagina).

 

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

  • La questione etica e moraleLa questione etica e morale La creazione di un sito “parallelo” è tendenzialmente discriminatoria nei riguardi di quegli stessi  utenti ai quali il sito parallelo è […]
  • Gli standard del WebGli standard del Web Penso che tutti conosciate il W3C e la sua attività di sviluppo e di divulgazione degli standard del Web, così come credo sia risaputa l’esistenza del […]
  • Sito parallelo? No, grazie!!!Sito parallelo? No, grazie!!! Una delle questioni che, soprattutto in questi mesi di progetti di Legge e di tante discussioni, si sta imponendo all’attenzione di tutti quelli che si occupano […]
  • Concetti di baseConcetti di base Siamo abituati a considerare normale la presenza di sottotitoli alla televisione (pagina 777 di televideo, Sky consente di vedere i sottotitoli in diverse lingue) e […]
  • Allegato CAllegato C Per ciascun requisito viene indicato il numero d’ordine, l’enunciato e il riferimento agli standard definiti nella Section 508 del Rehabilitation […]
Condividi:

Informazioni sull'autore

Roberto Castaldo
Roberto Castaldo
Sono nato e vivo a Napoli, ed opero professionalmente nel mondo dell'informatica da più di vent'anni. In realtà l'informatica, insieme alla musica e ad altre poche cose, è stato da sempre un mio chiodo fisso, e la buona sorte mi ha aiutato a trasformarlo in un mestiere. Sin dalle mie primissime esperienze lavorative - insegnavo dattilografia ed i primi rudimenti di informatica in una scuola privata - mi sono trovato a mio agio nel settore della formazione e della divulgazione, certamente aiutato dai miei studi classici. Nel 1987 ho iniziato la mia attività come insegnante d'informatica in un Istituto Professionale Statale - per circa due anni sono stato il più giovane insegnante di ruolo d'Italia. Ho avuto svariate esperienze anche nel settore privato come sviluppatore (TPascal - lo ricordate? - VB, ASP e, più di recente VB.NET ed ASP.NET), ma soprattutto come docente e come divulgatore. Ho effettuato attività di formazione presso le più grandi realtà imprenditoriali italiane (IBM, Omnitel, Telecom Italia, TIM, Unicredito, Ekip, BNL, SSGRR), ma anche all'estero in qualità di docente e/o progettista di percorsi formativi; gli argomenti spaziano dal mondo Office fino al multimedia ed alla programmazione avanzata ASP ed ASP.NET. Ho collaborato con l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli, ho redatto articoli/tutorial per un'importante rivista informatica (Win98 Magazine), ed ho partecipato allo sviluppo di CD-Rom Multimediali (IBM, Selfin, BNL) curando personalmente la registrazione dei commenti audio ed il montaggio delle musiche (CoolEdit), l'eventuale connessione a database remoti, l'assemblaggio degli elementi testuali, grafici e multimediali (Director 8) fino alla creazione del master definitivo. Negli anni 1998-2000 ho collaborato con la Gazzetta dello Sport Online curando, in occasione dei più importanti avvenimenti sportivi (Mondiali ed Europei di calcio, Giro d'Italia, Campionato di Serie A) le pagine contenenti la traduzione in inglese e francese degli articoli in italiano. Il mio compito consisteva nell'inviare ai miei traduttori la cronaca in italiano, riceverne la traduzione, creare le pagine inglesi e francesi del sito www.gazzetta.it e pubblicarle sul server, il tutto entro 90 minuti dalla fine dell'evento. Nel frattempo, mi avvicinavo in maniera sempre più approfondita alle problematiche legate all'accessibilità di siti web, progettando percorsi di formazione ad hoc, ed aderendo entusiasticamente al progetto webaccessibile.org. Sono stato per diversi mesi membro del XML Protocol Working Group del W3C, ed attualmente partecipo ai lavoro del WAI Web Content Accessibility Guidelines (WCAG) Working Group e del E&O Education ad Outreach Working Group.

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    Link e informazioni