Il Web si ama o si odia?

Il 16 ottobre, il The Telegraph ha pubblicato una classifica – in questo periodo le classifiche vanno molto di moda – riguardante i 50 elementi più fastidiosi del Web di oggi.

In tutta sincerità, non mi sembra che vi siano rivelazioni sorprendenti all’interno della top 50, e forse l’aspetto interessante è proprio questo: la maggior parte delle noie, dei fastidi e delle arrabbiature che il Web causa ai suoi utenti sono praticamente sempre gli stessi, da anni ed anni…

Ogni tanto il guru di turno o un articolo come quello citato li riportano in vita, ma nella stragrande maggioranza dei casi questi si limitano a ri-presentare quel che per molti dovrebbe essere l’acqua calda come una grande novità.

Ho provato ad evidenziare, tra le 50 bruttezze del Web, quelle che maggiormente rientrano nel focus di Webaccessibile.org, quelle cioè legate alla progettazione ed alla successiva implementazione di pagine, siti ed applicazioni Web che finiscono poi con l’essere scarsamente fruibili da parte di molti utenti, e le riporto – in ordine di apparizione – qui sotto:

  • Troppi CAPTCHA, il cui abuso è sotto gli occhi di tutti.
  • Pubblicità basate su Pop-up, che possono rivelarsi un grosso problema per molte categorie di utenti, e di certo un fastidio per tutti.
  • Layout troppo larghi. E’ una “usanza” sempre meno riscontrabile, per fortuna, ma a chi non è mai capitato di dovere utilizzare la barra orizzontale del browser?
  • PDF, utilizzati in maniera massiccia per pubblicare rapidamente e senza troppe noie documenti sul Web, laddove sarebbe stato molto meglio creare pagine Web ad hoc.
  • Frame, ancora largamente utilizzati – per esempio – da alcuni social network per visualizzare pagine esterne.
  • ScRiVeRe iN QuEstO ModO, AlTeRnAnDo SenZa CrItErIo MAIUSCOLE e minuscole.
  • Mancato supporto dei pulsanti “indietro” e “avanti” dei browser. E’ vero che un sito ben progettato non dovrebbe neanche farci venire la voglia o la necessità di usarli, ma è anche vero che non dovrebbe nemmeno impedirci di farlo.
  • Link per effettuare il login o il logout (soprattutto quest’ultimo) troppo nascosti. Ndr: per non parlare dei link che dovrebbero servire a cancellare un account!
  • Siti troppo difficili da usare, o pesanti da caricare, con esplicito riferimento all’abuso di Flash come piattaforma privilegiata per la creazione di contenuti Web.

Di che si tratta allora? Come possono essere lette queste negatività? Come la “buona novella” finalmente rivelata e pubblicata sul Web? Non credo… è però vero che questi “lati oscuri” in qualche modo rappresentano una traccia di quanto il vecchio e caro buon senso, tradotto in semplici “regole da non rispettare”, sia sempre più raro sul Web.

Se le cosiddette “buone pratiche” non riescono a farsi molta strada, forse focalizzare l’attenzione di manager, progettisti e sviluppatori anche su cosa NON fare potrebbe rivelarsi un approccio utile ed interessante, purchè naturalmente non ci si fermi lì.

E allora, il Web si ama o si odia? Intanto facciamo il possibile perchè si possa almeno usare!

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

  • Le versioni di html, le differenze e i perchèLe versioni di html, le differenze e i perchè L’html dalla sua nascita si è distinto per la sua forte mutevolezza nel tempo, in 10 anni se ne sono rilasciate almeno cinque varianti principali più un […]
  • Progettazione Universale e Mappe CognitiveProgettazione Universale e Mappe Cognitive Premessa Il principio di progettazione universale (universal design) ha origine in architettura e nel design dei manufatti; lo scopo di questi principi di base è […]
  • Accessibilità: how and why, come e perchè!Accessibilità: how and why, come e perchè! Le componenti della conoscenza La nascita di un qualsiasi prodotto o manufatto, ma anche l'erogazione di un qualsiasi servizio, hanno - generalmente - alle spalle un […]
  • Come usare l’attributo HTML titleCome usare l’attributo HTML title Traduzione dell'articolo di Steven Faulkner "Using the HTML title attribute" - 02/11/2010 I problemi del title: L’attributo HTML title è alquanto problematico, perchè […]
  • Come comunichiamo con i computer?Come comunichiamo con i computer? Negli articoli che seguiranno sar? affrontata l'interazione uomo-macchina: partendo dalla nascita, sino a giungere agli attuali sviluppi delle interfacce grafiche. A […]
Condividi:

Informazioni sull'autore

Roberto Castaldo
Roberto Castaldo
Sono nato e vivo a Napoli, ed opero professionalmente nel mondo dell'informatica da più di vent'anni. In realtà l'informatica, insieme alla musica e ad altre poche cose, è stato da sempre un mio chiodo fisso, e la buona sorte mi ha aiutato a trasformarlo in un mestiere. Sin dalle mie primissime esperienze lavorative - insegnavo dattilografia ed i primi rudimenti di informatica in una scuola privata - mi sono trovato a mio agio nel settore della formazione e della divulgazione, certamente aiutato dai miei studi classici. Nel 1987 ho iniziato la mia attività come insegnante d'informatica in un Istituto Professionale Statale - per circa due anni sono stato il più giovane insegnante di ruolo d'Italia. Ho avuto svariate esperienze anche nel settore privato come sviluppatore (TPascal - lo ricordate? - VB, ASP e, più di recente VB.NET ed ASP.NET), ma soprattutto come docente e come divulgatore. Ho effettuato attività di formazione presso le più grandi realtà imprenditoriali italiane (IBM, Omnitel, Telecom Italia, TIM, Unicredito, Ekip, BNL, SSGRR), ma anche all'estero in qualità di docente e/o progettista di percorsi formativi; gli argomenti spaziano dal mondo Office fino al multimedia ed alla programmazione avanzata ASP ed ASP.NET. Ho collaborato con l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli, ho redatto articoli/tutorial per un'importante rivista informatica (Win98 Magazine), ed ho partecipato allo sviluppo di CD-Rom Multimediali (IBM, Selfin, BNL) curando personalmente la registrazione dei commenti audio ed il montaggio delle musiche (CoolEdit), l'eventuale connessione a database remoti, l'assemblaggio degli elementi testuali, grafici e multimediali (Director 8) fino alla creazione del master definitivo. Negli anni 1998-2000 ho collaborato con la Gazzetta dello Sport Online curando, in occasione dei più importanti avvenimenti sportivi (Mondiali ed Europei di calcio, Giro d'Italia, Campionato di Serie A) le pagine contenenti la traduzione in inglese e francese degli articoli in italiano. Il mio compito consisteva nell'inviare ai miei traduttori la cronaca in italiano, riceverne la traduzione, creare le pagine inglesi e francesi del sito www.gazzetta.it e pubblicarle sul server, il tutto entro 90 minuti dalla fine dell'evento. Nel frattempo, mi avvicinavo in maniera sempre più approfondita alle problematiche legate all'accessibilità di siti web, progettando percorsi di formazione ad hoc, ed aderendo entusiasticamente al progetto webaccessibile.org. Sono stato per diversi mesi membro del XML Protocol Working Group del W3C, ed attualmente partecipo ai lavoro del WAI Web Content Accessibility Guidelines (WCAG) Working Group e del E&O Education ad Outreach Working Group.

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    Link e informazioni