Disabili e informatica – dispositivi di output

Le persone che riscontrano i più grossi problemi nell’utilizzo delle comuni interfacce di output (schermo, stampante, audio) sono coloro che hanno problemi alla vista e all’udito. Chiaramente un cieco non deve essere solo in grado di inserire dati tramite una tastiera, ma anche di visualizzarli, verificarne la correttezza o stamparli.

A questo proposito sono state studiate le barre Braille, che applicate ad un qualsiasi computer  trasformano il contenuto di una riga del monitor in un testo a rilievo, che cambia a mano a mano che si esplora (con appositi comandi) ogni videata. In alternativa alle barre Braille ci sono i dispositivi di sintesi vocale, che necessitano di un programma di gestione per l’esplorazione delle schermate (screen reader). Il software legge ad alta voce il comando che si trova nella posizione del cursore sul monitor. Così il non vedente sa quale operazione eseguire. I programmi più avanzati permettono tra le altre cose di leggere le tabelle di Explorer e i file in formato pdf.

Barra braille

Una barra braille per non vedenti

Altro importante dispositivo di output è la stampante braille, in grado di stampare in rilievo su qualsiasi tipo di carta.

Anche se l’handicap della sordità limita in modo minore l’utilizzo del computer, sono state create delle interfacce molto utili soprattutto per le persone che sono nate prive dell’udito e che hanno quindi grosse difficoltà nell’imparare a parlare. Ci sono diversi tipi di software educativi che facilitano l’apprendimento della lettura e della scrittura, oppure riconoscitori del parlato, che visualizzano su schermo le parole pronunciate in un microfono. In questo modo è possibile effettuare autonomamente delle verifiche e migliorare le proprie capacità.

Quelli appena visti sono solo alcuni degli strumenti a disposizione delle persone disabili ed esiste tutta una serie di altri dispositivi più specifici per il tipo ed il grado di handicap. E’ comunque rilevante il fatto che il computer sia diventato un importante strumento di integrazione. Si pensi solo all’opportunità offerta dal telelavoro, che da alle persone disabili ampie possibilità di svolgere un’attività lavorativa secondo il loro particolare ambiente e le loro competenze, e può contribuire ad arricchire profondamente la qualità della loro vita.

 

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

  • Come comunichiamo con i computer?Come comunichiamo con i computer? Negli articoli che seguiranno sar? affrontata l'interazione uomo-macchina: partendo dalla nascita, sino a giungere agli attuali sviluppi delle interfacce grafiche. A […]
  • Disabili e informatica – dispositivi di inputDisabili e informatica – dispositivi di input Un settore che ha ottenuto ottimi risultati nel campo delle interfacce è stato quello rivolto allo sviluppo di ausili per persone disabili . Inizialmente le […]
  • Ergonomia: le macchine si adattano all’uomoErgonomia: le macchine si adattano all’uomo L'ergonomia, detta anche Human Factor Engineering, è una disciplina nata in Gran Bretagna nel 1949. Fu proposta inizialmente dallo psicologo H.F.H. Murrell, come […]
  • Direzione Tangible User InterfaceDirezione Tangible User Interface Con l’apparizione della prima interfaccia grafica, è stata riservata un’attenzione sempre maggiore verso la realizzazione di interfacce che tenessero […]
  • Ergonomia di una postazione di lavoroErgonomia di una postazione di lavoro Per mostrare un esempio pratico che chiarisca i compiti dell’ergonomia, prenderemo brevemente in analisi la postazione di lavoro che caratterizza l’ambiente […]
Condividi:

Informazioni sull'autore

Alessandra Verzelloni
Alessandra Verzelloni
Parlare di me? Bella sfida! Tanto per cominciare vivo nella "placida" Milano e collaboro come Web Marketer per il Gruppo Prometeo S.p.A. (società di mediazione creditizia). Nutro una sfrenata passione per i felini, le piante carnivore ed i balli caraibici. Internet mi ha appassionata da subito ed ho maturato un particolare interesse nei confronti della Web Usability nel corso di un'esperienza lavorativa presso l'area Web dell'agenzia di comunicazione Antea. In questa sede ho imparato che non basta una grafica accattivante, magari arricchita da qualche animazione, perché il successo di un sito dipende da diverse variabili ed una di queste è senz'altro l'usabilità. Così ho svolto la mia tesi sulla Web Usability (mi sono recentemente laureata in Relazioni Pubbliche) ed ho anche avuto modo di approfondire il tema dell'accessibilità. Per saperne di più ho "scocciato" diverse persone del mondo Usabilità/Accessibilità. Ora che gli studi si sono conclusi, mantengo vivo il mio interesse per questi argomenti, anche perché la Rete continua ad appassionarmi ed incuriosirmi, tant'è le ferie dal Web non riesco proprio mai a prenderle.

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    Link e informazioni