Lezione di accessibilità ad alti livelli

Come ci si aspetta sempre da un’iniziativa che parte da IWA, è stata una giornata ad alta densità di informazione, merito dei docenti eccezionali e anche di un pubblico attento e partecipe! Quello che non si immagina, però, è l’atmosfera che si è creata nel gruppo; la giornata ha costituito, per tutti i partecipanti, un bellissimo e prezioso momento di apprendimento, basato sull’ascolto ma anche sul confronto, per imparare qualcosa in più sull’accessibilità.   Già, perchè in questo ambito non se ne sa mai abbastanza,  si ha sempre qualcosa di nuovo da imparare!

Gli incontri di IWA sono occasioni preziose di confronto e di approfondimento che gli sviluppatori, anche quelli che muovono ora i primi passi, non possono lasciarsi sfuggire; è un’occasione irrinunciabile quella di avere la possibilità di un face-to-face con i più autorevoli personaggi che stanno facendo la ‘storia’ della Web Accessibility.  Roberto Scano, benché stanco e provato dal lungo viaggio, ha organizzato la giornata con ammirevole capacità di sintesi, e insieme a Michele Diodati ha condiviso il faticoso compito di spalancare, per a noi alunni, i mille volti dell’accessibilità.

Fin dall’inizio, chi dei partecipanti non li conosceva ancora,  ha avuto la sensazione di trovarsi davanti a due ‘guru’, che hanno sviscerato l’argomento fino in fondo, conoscendone a fondo ogni angolino, dagli standard tecnici alla normativa, dal design universale dei siti web alle competenze sulle diverse tipologie di ausili usati a seconda della disabilità. Insomma due enciclopedie viventi!

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

  • Reportage del 6 novembreReportage del 6 novembre Da quando sono tornata ho in mente di scrivere qualche riga per ricordare l'incontro IWA svoltosi il 6 Novembre 2003 a Roma, nella bella sede dell'Hotel American Palace […]
  • Un’occasione di studio ma anche di confrontoUn’occasione di studio ma anche di confronto La pausa pranzo ci ha visti armati di panini e birre, lanciarci in discussioni amichevoli su come ognuno di noi mette in pratica le WCAG e sui compromessi ai quali […]
  • Pornografia accessibile per chi non vedePornografia accessibile per chi non vede Da uno spunto goliardico è possibile trarre conclusioni sul perché è utile, oltre che giusto, curare l'accessibilita' dei conentuti multimediali rendendoli multmodali.
  • Quanti termini nel web semanticoQuanti termini nel web semantico Prefazione Da poco abbiamo iniziato a parlare di questo nuovo web che è il web semantico e già in un primo articolo ne abbiamo illustrato a grandi linee […]
  • Uso dei testi ALT all’interno di IMGUso dei testi ALT all’interno di IMG di Alan J. Flavell, del Dipartimento di Fisica ed Astronomia dell'Università di Glasgow. Traduzione in italiano di Michele Diodati   Un grave problema di […]
Condividi:

Informazioni sull'autore

Silvia Dini
Silvia Dini
Genovese doc, dopo studi classici affiancati da incursioni nel mondo delle 7 note,  ha incontrato il mondo della ricerca sui temi dell'informatica per la didattica, con particolare attenzione alla didattica speciale e alle tecnologie assistive. Da molti anni lavora all’Istituto David Chiossone  per ciechi e ipovedenti di Genova, come operatore della riabilitazione (con abilitazione IRIFOR), in particolare nel settore degli ausili informatici. Cura inoltre il sito dell'Istituto, cura i progetti di ricerca sulle IT, dando molto spazio ai problemi dell'accessibilità del web da parte dei disabili visivi. Da circa 20 anni scrive articoli scientifici e divulgativi sul tema informatica e didattica; coautrice del corso di educazione musicale per la scuola media “Musica a scuola”, ed Zanichelli, e del CD-ROM in tre lingue “Music Park”, ed. Giunti Multimedia (1997).; da dicembre 2002 collabora con “Doppioclick” (ed. Finson). Ha avuto il grande onore di scriver il Capitolo sulle Tecnologie assistive per il volume di Roberto Scano "Accessibilità dalla teoria alla realtà" di recente uscita (2004). E' stata nel gruppo di lavoro WCAG del W3C, è presente ogni volta che può alle iniziative IWA e va fiera della sua partecipazione a Webaccessibile, con la quale tenta di dare il suo piccolo contributo per sensibilizzare i cittadini del net sulle tematiche dell'abbattimento delle barriere digitali.

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    Link e informazioni