Accessibilità dei siti Web pubblici

Centro culturale Candiani – Mestre (VE), 27/5/2004

La recente normativa migliorerà i servizi della Pubblica Amministrazione

ore 10.00-13.00

CENTRO CULTURALE CANDIANI

Sala Conferenze 4° piano
p.le Candiani, 7
Mestre – Venezia

Progettare un sito secondo i criteri dell’accessibilità costituisce già una realizzazione di qualità, con la conseguenza di migliori prestazioni e maggior visibilità, ed un più immediato utilizzo da parte di tutti gli utenti, coerentemente con uno dei principi  fondamentali del Web: l’Accesso Universale.

L’approvazione della recente Legge 9 gennaio 2004, n. 4, “Disposizioni per favorire l’accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici” che obbliga gli Enti pubblici ad adottare linee di accessibilità per i propri siti Web, rende assolutamente urgente una conoscenza in materia.

L’obiettivo del Seminario è sensibilizzare l’ambiente della Pubblica Amministrazione per diffondere tra i Funzionari e gli Amministratori la cultura e alcune conoscenze sull’accessibilità del Web che rendano i siti più attuali, veloci e, soprattutto, a norma di legge.

Assieme alla normativa verranno illustrate anche le ultime novità riguardo le relative Regole tecniche e il Regolamento di attuazione, in vista della sua applicazione nell’immediato futuro.

Ecco il programma:

10.00 – Saluti e presentazione – (Stefano Filippi – Soprint. Reg.le Reggente)

10.10 – Che cos’è l’accessibilità – (Maurizio Vittoria – Bibl. Naz. Marciana)

10.35 – Verificare l’accessibilità: Torquemada – (Andrea Bernardini – Fond. Ugo Bordoni)

11.00 – Un esempio di sensibilizzazione: il Progetto CABI – (Sandra Martin – Biblioteca Naz. Marciana)

11.15 – pausa

11.30 – La Legge “Stanca” per l’accessibilità: origini e motivazioni – (Roberto Castaldo- Webaccessibile.Org)

11.50 – Cosa cambierà per la P.A. con la nuova legge 4/04 per l’accessibilità – (Antonio De Vanna – CNIPA)

12.20 – Dibattito

13.00 – Conclusione

 

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.