Cosa significa essere W3C Member

La partecipazione al W3C è aperta a qualsiasi organizzazione. Innanzitutto è necessario definire che, all’interno del W3C, esistono due tipologie di affiliazione come membri:

  • Affiliate Member: in tale categoria rientrano le realtà no-profit, aziende in ambito governativo o società commerciali con fatturati inferiori ai 50.000.000 USD o che sono collegati a Full Member. Queste realtà sottoscrivono un contratto con pagamento annuale di 5.750 USD. A tale categoria possono rientrare anche i singoli individui.
  • Full Member: in tale categoria rientrano le realtà for-profit che sottoscrivono un contratto con pagamento annuale di 57.500 USD.

Le organizzazioni interessate sottoscrivono i relativi contratti (disponibili nel sito del W3C rispettivamente per gli Affiliate Member e per Full Member). Nell’elenco attuale dei membri del W3C si nota chiaramente che le maggiori realtà commerciali, universitarie e governative fanno parte del W3C: per l’Italia sono presenti organizzazioni come Vodafone, Telecom Italia Lab, Presidenza del Consiglio dei Ministri, CNR e Fondazione Ugo Bordoni. Tutte queste realtà partecipano all’interno del W3C attraverso gli “Advisory Committee Representative“, ossia i rappresentanti ufficiali delle organizzazioni, e con il supporto dei propri dipendenti/associati con le seguenti modalità:

  1. Partecipano, con il proprio Advisory Committee Representative all’Advisory Committee, organo che ha il compito di:
    • revisione dei progetti per il W3C nei Meeting degli Advisory Committee;
    • revisione delle proposte del W3C Director: Proposte di attività, Proposte di Raccomandazioni e Proposte di Procedimento di Documenti;
    • elezione dei partecipanti all’Advisory Board (ad esclusione del Chairman);
    • elezione di cinque dei nove partecipanti del Technical Architecture Group.

    Gli Advisory Committee Representatives hanno il potere di appello per alcuni processi, come ad esempio per l’approvazione delle Proposte di Raccomandazione. Gli impiegati o gli associati dell’organizzazione partecipano ai gruppi di lavoro, ai gruppi di interesse e ai gruppi di coordinamento con possibilità di creare e revisionare documenti secondo quanto definito dal processo di rilascio delle raccomandazioni del W3C.

    Ricapitolando, di fatto ogni membro del W3C ha i seguenti diritti e benefici dall’affiliazione al consorzio:

    • l’organizzazione ha un posto nell’Advisory Committee;
    • Gli impiegati o gli associati autorizzati possono partecipare ai gruppi di lavoro, gruppi di interesse e ai gruppi di coordinamento;
    • Gli impiegati o gli associati autorizzati possono partecipare ai workshop ed ai simposi;
    • L’Advisory Committee Representative può presentare delle proposte di documenti per lo studio e per l’avvio del processo di rilascio del titolo di raccomandazione;
    • Gli impiegati o gli associati autorizzati possono lavorare come parte del Team (ad esempio i “W3C Fellows“, ossia i dipendenti part-time del W3C);
    • Gli impiegati o gli associati autorizzati possono accedere all’area con informazioni riservate ai Membri;
    • L’organizzazione affiliata come Member può utilizzare il logo “W3C Member” nel materiale promozionale e pubblicizzare la propria partecipazione al W3C.

    Nel caso in cui l’organizzazione Membro del W3C è anch’essa un consorzio, un’associazione di categoria o qualsiasi altra realtà formata fa associati o sponsor, tutti i dipendenti stipendiati e l’Advisory Committee Representative hanno il diritto di usufruire di tutti i diritti di appartenenza al consorzio W3C: in aggiunta, l’Advisory Committee Representative può nominare fino a quattro (o anche più persone, a discrezione del Chairman) rappresentanti non pagati in rappresentanza delle organizzazioni con diritto di partecipazione

    E’ importante che tutti i singoli individui che partecipano alle attività del W3C devono separare la loro attività lavorativa dalle iniziative intraprese per conto del W3C. In ogni caso, questi rappresentanti devono portare gli interessi dell’organizzazione di cui sono rappresentanti e non gli interessi dei singoli dipendenti.

    Possono esserci dei casi in cui uno o più membri del W3C hanno il controllo e/o la maggioranza amministrativa di altre organizzazioni anch’esse W3C Member. In questo caso le organizzazioni devono rivelare tali situazioni al fine di garantire trasparenza nelle operazioni e nelle attività del consorzio.

    I membri del W3C sono infine tenuti alla confidenzialità di tutta la documentazione presente nell’area riservata, impegnandosi di fatto a non divulgare informazioni a carattere riservato alla stampa o al pubblico. Le informazioni e le novità contenute nell’area riservata possono essere divulgate solamente per uso interno e seguendo delle linee guida.

    Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

    • I QUICKTIPS WAI: Istruzioni per l’usoI QUICKTIPS WAI: Istruzioni per l’uso Nel sito del W3C è disponibile una sezione del progetto WAI dedicata ai Quicktips: cosa sono? Di fatto i QuickTips sono dei punti chiave di partenza per consentire a […]
    • Organizzazione del W3COrganizzazione del W3C Innanzitutto è bene ricordare che la missione del World Wide Web Consortium è di portare il web alla sua massima potenzialità sviluppando dei protocolli comuni che ne […]
    • Analisi – ATAG 2.0 W3C Working Draft 22 November 2004Analisi – ATAG 2.0 W3C Working Draft 22 November 2004 Descrizione del documento Questo documento vuole analizzare e fornire una serie di commenti alle linee guida del Working Draft pubblico del 22 Novembre 2004 delle […]
    • Le WCAG 2.0 sono Candidate RecommendationLe WCAG 2.0 sono Candidate Recommendation Dopo tanti mesi, e diverse working draft, finalmente le Web Content Accessibility Guidelines 2.0 sono arrivate allo stato di Candidate Recommendation Ora parte la fase […]
    • Attività W3CAttività W3C Cos'è il W3C  e come lavora? In questa sezione del sito cercheremo di rendere chiare le modalità di partecipazione e le varie fasi di creazione delle […]
Condividi:

Informazioni sull'autore

Roberto Scano
Roberto Scano
  • Seguilo su

Roberto Scano si occupa di accessibilità dall'inizio del millennio. Ha collaborato allo sviluppo delle WCAG 2.0, delle ATAG 2.0 nonché della normativa italiana in materia di accessibilità. Autore di tre libri in materia, è consulente e formatore nell'ambito della tematica della qualità dei servizi delle P.A. e delle aziende.

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    Link e informazioni