Appello per libri di testo digitali

Siamo un gruppo di genitori, raccogliamo adesioni per questo appello ai ministri Stanca e Moratti, per una sollecita applicazione dell’art.5 della legge 4\2004 che prevede la fornitura dei libri di testo in formato digitale agli studenti disabili e l’accessibilità degli strumenti di lavoro didattici.
Il MIUR si muove con estrema lentezza e se continua così il prossimo settembre saremo al punto di partenza.
Chi condivide l’appello è invitato a spedire una e-mail di adesione a un genitore: stefano.cevenini@tin.it
indicando: cognome, nome, città di residenza e qualifica (genitore, insegnante, operatore scolastico, educatore,
o altro…).
Raccogliamo le adesioni entro il 19 febbraio, poi spediremo l’appello ai ministri.
Grazie della collaborazione.

Per il gruppo promotore
Alessandra Stefani, Stefano Cevenini, Alessandra Bagatta – Bologna-

*** TESTO DELL’APPELLO ****

Accesso ai libri scolastici in formato digitale
Appello per una rapida applicazione della legge 4\2004

Al Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti
Al Ministro dell’Innovazione Lucio Stanca
Roma
Onorevoli Ministri
siamo un gruppo di genitori, insegnanti, studenti ed operatori della scuola che vivono quotidianamente il problema della disponibilità di libri e strumenti didattici accessibili anche per chi ha esigenze o minorazioni particolari.
Abbiamo sperimentato da tempo i vantaggi offerti dalle tecnologie informatiche e abbiamo quindi accolto con grande soddisfazione la legge 4\2004, da voi promossa e sostenuta, che all’articolo 5 dispone che siano fornite copie su supporto digitale degli strumenti didattici fondamentali, accessibili agli alunni disabili e agli insegnanti di sostegno, e che il software didattico e di consultazione usato nelle scuole, indispensabili per l’autonomia di molti studenti, sia costruito rispettando le regole di accessibilità.
Forti di questa nuova legge, all’inizio dello scorso anno scolastico molti di noi hanno chiesto alle varie case editrici i file dei libri di testo dei propri figli o allievi, ma purtroppo nulla era cambiato rispetto all’anno precedente: qualche editore ce li ha dati, qualche altro no, molti non hanno neppure risposto.
Quelli di noi che usufruiscono di testi scolastici in braille o ingranditi speravano che finalmente, dato che le stamperie potevano attingere i documenti dagli originali digitali, i libri sarebbero arrivati puntuali all’inizio dell’anno, come per i compagni, ma purtroppo anche in questo caso non è cambiato nulla.
Speravamo che gli editori cominciassero a produrre dizionari e enciclopedie su CD-Rom progettati davvero per tutti ed utilizzabili in modo funzionale con le tecnologie assistive usate a scuola, ma tutto è rimasto immobile.
Siamo davvero preoccupati, Onorevoli Ministri, e temiamo che a settembre, con l’inizio del nuovo anno scolastico, ci ritroveremo a sostenere la solita battaglia per poter avere per i nostri ragazzi quello che il diritto costituzionale, la tecnologia, il buon senso ed ora anche una specifica Legge dello Stato, dovrebbe assicurare senza ostacoli.
Sappiamo che il problema è complesso, che bisogna considerare le esigenze degli editori, il diritto d’autore, gli aspetti tecnici ed economici.
Ma è complesso e frustrante, ve lo assicuriamo anche passare centinaia di ore con lo scanner e il computer a trasformare in digitale delle opere che in digitale già esistono, solo per poter garantire ai nostri ragazzi un minimo di diritto allo studio.
E’ complesso e frustrante vedere studenti che potrebbero consultare in autonomia e con soddisfazione dei dizionari digitali e non lo possono fare perchè al momento della costruzione del software nessuno ha pensato alle loro esigenze.
L’attuazione della legge 4\2004 sta facendo rapidi progressi nell’accessibilità ad Internet, dove i principi hanno cominciato a essere largamente conosciuti ed applicati, anche se la norma non è strettamente esecutiva.
A quel che ci risulta, nulla di questo è stato fatto per la parte relativa alla scuola, ai file elettronici dei libri, agli strumenti didattici:
Vi chiediamo, Onorevoli Ministri, di intervenire per accelerare il più possibile l’iter del regolamento attuativo  dell’articolo 5 della legge 4\2004, ma anche per organizzare iniziative di informazione e sensibilizzazione su questo tema, rivolte al mondo della scuola e dell’editoria, affinchè finalmente si cominci a diffondere anche in questo ambito la cultura dell’accessibilità per tutti e si comprenda la necessità di abbattere definitivamente queste nuove barriere, particolarmente odiose ed ingiustificabili.
Vi siamo particolarmente grati per l’impegno che avete finora dimostrato su questo tema e speriamo che anche questa nostra richiesta possa avere un positivo riscontro.

*** FINE DELL’APPELLO ****

Spedire una e-mail di adesione a:
stefano.cevenini@tin.it
indicando: cognome, nome, città di residenza e qualifica (genitore,insegnante, operatore scolastico, educatore, o altro…).

Per approfondire…

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Condividi:

Informazioni sull'autore

Roberto Scano
Roberto Scano
  • Seguilo su

Roberto Scano si occupa di accessibilità dall'inizio del millennio. Ha collaborato allo sviluppo delle WCAG 2.0, delle ATAG 2.0 nonché della normativa italiana in materia di accessibilità. Autore di tre libri in materia, è consulente e formatore nell'ambito della tematica della qualità dei servizi delle P.A. e delle aziende.

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    Link e informazioni