Web e Televisione? WebTV!

immagine di televisione con webtvSpesso quando si parla di accessibilità si limita il problema ad alcune categorie di disabili non comprendendo forse che l’accessibilità è anche un requisito per gli utenti che utilizzano tecnologie “diverse” di navigazione, indicando con questo termine generico tutte le periferiche (palmari, webtv, ecc.) che utilizzano altre modalità di navigazione ed interazione con il World Wide Web.

In questo intervento analizziamo la nuova versione del programma MSN TV Viewer che, come chiaramente indica lo stesso nome, è un emulatore di webTV. Un kit WebTV di fatto è un sistema che consente tramite una linea telefonica di utilizzare un semplice sistema di navigazione utilizzando un telecomando ed il televisore – ossia gli strumenti maggiormente utilizzati anche da utenti senza esperienza nel campo informatico. Nel kit è comunque contenuta una tastiera per poter interagire con i contenuti, essendo tra l’altro disponibile nel software di sistema tutto ciò che si necessita per la  navigazione: programma per la gestione della posta elettronica, gestione dei preferiti, ecc.

Negli USA questa tecnologia è molto diffusa e, anche per questo, nella definizione dei fogli di stile tra le altre periferiche compare anche la WebTV, la quale rispetta esclusivamente alcuni elementi dei CSS.

Il programma che andiamo velocemente ad analizzare è utilizzabile sia su piattaforma Windows che Mac consentendo quindi alle due grosse categorie di utenti di poter emulare il prodotto su piattaforme “convenzionali” (attualmente non è disponibile una versione per Linux e, da quanto discusso nei forum ufficiali non sembra neppure in progetto).

E’ da approfondire (e magari potremmo farlo in un prossimo articolo all’interno di questo argomento) che la WebTV ha una serie di elementi aggiuntivi a quelli definiti dal W3C. Il tutto nasce da ATVEF, alleanza di produttori che ha definito dei protocolli basandosi sullo standard HTML, integrandoli con il supporto per la televisione, consentendo quindi agli sviluppatori di contenuti di poter rendere interattivi i programmi in diverse forme di comunicazione (analogica, digitale, via cavo o satellitare) utilizzando sistemi di ricezione e codifica intelligenti (come ad esempio la stessa WebTV).

Tra questi attributi, importante risulta l’attributo VIEW che può assumere due valori: “web” oppure “tv” e, come si può chiaramente comprendere, il valore “tv” richiama eventuali contenuti televisivi (ed è quindi esclusivamente utilizzabile con la webTV) . A titolo di esempio, per definire come background l’immagine televisiva, è possibile indicare un codice di pagina come segue:

<body background="tv:">

imagesLogicamente, nel caso abbiamo una gestione differenziata dei CSS possiamo indicare tale attributo nel CSS relativo alla visualizzazione tramite webTV. Con del codice molto semplice, è possibile ottenere un risultato simile a quello raffigurato nell’immagine qui a fianco, consentendo ad un navigatore di visionare un particolare canale televisivo ed acquistare un determinato prodotto in relazione.

A questo punto, dopo questa lunga premessa sul sistema di WebTV, per poter emulare le funzionalità “web” è possibile scaricare il programma direttamente dal sito dedicato ai developer di contenuti per MSN TV. Nell’ultima versione disponibile, il programma ha aggiunto il supporto ai CSS 2.0, limitatamente agli elementi indicati nel sito ufficiale.

Ad installazione completata, avviando il programma sarà presentata la pagina predefinita di MSN TV e, tramite riga di comando possiamo indicare il nostro sito web per visionare il risultato che un utente otterrebbe navigando il nostro sito web con la web TV.

E’ da notare che, dai test che ho effettuato, al momento il pieno supporto per i siti table-less non è ancora ottimizzato ed alcune proprietà necessarie per l’accessibilità risultano non riconosciute.

Nei prossimi giorni in queste pagine vedremo di comprendere come è possibile sviluppare un foglio di stile che consenta agli utenti con webTV di poter fruire dei contenuti del nostro sito web.

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

  • Contrast Analyser – Versione 2.0Contrast Analyser – Versione 2.0 ATTENZIONE: in data 18 dicembre 2008, è stato rilasciato il Contrast Analyser 2.2 in italiano, disponibile su Webaccessibile In questa pagina: Cos'è […]
  • CSS Colour Contrast TestCSS Colour Contrast Test Il checkpoint 2.2 delle WCAG 1.0 prevede che il contrasto fra colore principale e sfondo di una pagina sia sufficientemente elevato da non costituire un problema per la […]
  • La barra dell’accessibilità – versione 2.0La barra dell’accessibilità – versione 2.0 In questa pagina: introduzione | condizioni d'uso | download | sviluppo e traduzione | contattaci | toolbar blog (in inglese)  Altre pagine: Documentazione […]
  • LIFT Text TranscoderLIFT Text Transcoder Il nuovo prodotto di UsableNet, LIFT Text Transcoder, è un software server che consente di generare istantaneamente una versione solo-testo del vostro sito Web. […]
  • BobbyBobby Bobby è uno strumento informatico che verifica la rispondenza dei siti ai requisiti di accessibilità agli utenti disabili, facendo riferimento a quanto stabilito nelle […]
Condividi:

Informazioni sull'autore

Roberto Scano
Roberto Scano
  • Seguilo su

Roberto Scano si occupa di accessibilità dall'inizio del millennio. Ha collaborato allo sviluppo delle WCAG 2.0, delle ATAG 2.0 nonché della normativa italiana in materia di accessibilità. Autore di tre libri in materia, è consulente e formatore nell'ambito della tematica della qualità dei servizi delle P.A. e delle aziende.

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

    Link e informazioni