User Agent Accessibility Guidelines

Questa raccomandazione del WAI fornisce le linee guida per lo sviluppo degli user agents al fine di diminuire le barriere per l’accessibilità del web per persone con disabilità (visuali, uditive, fisiche, cognitive e neurologiche). Per “User Agent” si intende qualsiasi prodotto che rende disponibile contenuti per il web all’utente: questo di fatto include i navigatori web (browsers), i media players, plug-in e altri programmi – includendo le tecnologie assistive – che possono aiutare l’utente ad accedere e rendere friubili i contenuti del web.

Gli User Agent includono i browser HTML e altre tipologie di programmi necessari alla corretta visualizzazione di contenuti per il web. Uno User Agent che risulta conforme alle linee guida promuoverà l’accessibilità attraverso la struttura dell’interfaccia utente e attraverso altre ottimizzazioni interne, includendo la tra queste la capacità di comunicare con altre tecnologie (soprattutto tecnologie assistive). In ogni caso tutti gli utenti, non solo gli utenti disabili, ottengono maggiore usabilità dagli User Agent conformi a questa raccomandazione.

Oltre ad essere di supporto agli sviluppatori di browser, media player, ecc, le User Agent Accessibility Guidelines (UAAG) sono inoltre di supporto agli sviluppatori di tecnologie assistive in quanto informa su quali informazioni e controlli una tecnologia assistiva si aspetta da uno User Agent conforme. Le tecnologie che non vengono indirizzate direttamente da questo documento (ad esempio, le tecnologie per la lettura braille) sono comunque essenziali per garantire l’accesso al web per diversi utenti disabili.

Queste linee guida di fatto specificano i requisiti che, se soddisfatti dagli sviluppatori di User Agent, porteranno ad una diminuzione delle barriere all’accessibilità. Il documento è composto da:

  • L’introduzione (parzialmente riportata in questa pagina) che fornisce il contesto per comprendere i requisiti richiesti nella sezione 2.
  • La Sezione 2 che fornisce dodici principi generali per lo sviluppo accessibile, chiamate “linee guida”. Ogni linea guida consiste in una serie di requisiti chiamati “checkpoints“, che devono essere soddisfatti per rendere conforme lo User Agent alle raccomandazioni.
  • La Sezione 3 che fornisce una serie di richiami che lo User Agent deve rispettare per soddisfare i requisiti della Sezione 3.
  • Un’appendice offre un riepilogo dei principali obiettivi de la struttura del documento [UAAG10-SUMMARY].
  • Una seconda appendice elenca tutti i punti di controllo per rendere semplice i riferimenti alle linee guida (sistema di supporto agli sviluppatori per valutare la conformità del programma sviluppato) [UAAG10-CHECKLIST].

Un ulteriore documento, dal titolo “Tecniche per le Linee Guida dell’Accessibilità degli User Agent 1.0” [UAAG10-TECHS], fornisce suggerimenti ed esempi su come soddisfare i vari punti di controllo (checkpoint). Questo documento include riferimenti alle altre risorse sull’accessibilità (come linee guida per lo sviluppo di software accessibile su diverse piattaforme) che forniscono quindi ulteriore supporto allo sviluppatore per soddisfare i punti di controllo. Le tecniche presenti nel documento sono esempi a puro scopo informativo in quanto altre modalità di lavoro possono essere utilizzate per raggiungere il soddisfacimento dei punti di controllo. In futuro, il documento subirà maggiori modifiche delle stesse linee guida e gli sviluppatori, i Gruppi di lavoro del W3C, gli utenti e chiunque altro sono incoraggiati a contribuire con nuove tecniche.

Le “User Agent Accessibility Guidelines 1.0”, con gruppo di lavoro coordinato da I. Jacobs, J. Gunderson, E. Hansen, eds., sono diventate proposta di raccomandazione il 16 ottobre 2002 e raccomandazione il 17 dicembre 2002. Eventuali commenti ed integrazioni devono pervernire al W3C entro il 14 novembre. L’ ultima versione del documento è disponibile all’indirizzo http://www.w3.org/TR/UAAG10/ .

 

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

  • Web Accessibility Initiative (WAI)Web Accessibility Initiative (WAI) 1. Accessibilità: 10 anni di storia dall'ICADD al WAI Il World Wide web Consortium lanciò il WAI, letteralmente Web Accessible Iniziative, nell'ottobre del […]
  • Attività W3CAttività W3C Cos'è il W3C  e come lavora? In questa sezione del sito cercheremo di rendere chiare le modalità di partecipazione e le varie fasi di creazione delle […]
  • Analisi – ATAG 2.0 W3C Working Draft 22 November 2004Analisi – ATAG 2.0 W3C Working Draft 22 November 2004 Descrizione del documento Questo documento vuole analizzare e fornire una serie di commenti alle linee guida del Working Draft pubblico del 22 Novembre 2004 delle […]
  • Organizzazione del W3COrganizzazione del W3C Innanzitutto è bene ricordare che la missione del World Wide Web Consortium è di portare il web alla sua massima potenzialità sviluppando dei protocolli comuni che ne […]
  • ATAG – Authoring Tool Accessibility GuidelinesATAG – Authoring Tool Accessibility Guidelines Questo documento contiene le linee guida per gli sviluppatori di strumenti di authoring. Il suo scopo è duplice: assistere gli sviluppatori nella progettazione di […]
Condividi:

Informazioni sull'autore

Roberto Castaldo
Roberto Castaldo
Sono nato e vivo a Napoli, ed opero professionalmente nel mondo dell'informatica da più di vent'anni. In realtà l'informatica, insieme alla musica e ad altre poche cose, è stato da sempre un mio chiodo fisso, e la buona sorte mi ha aiutato a trasformarlo in un mestiere. Sin dalle mie primissime esperienze lavorative - insegnavo dattilografia ed i primi rudimenti di informatica in una scuola privata - mi sono trovato a mio agio nel settore della formazione e della divulgazione, certamente aiutato dai miei studi classici. Nel 1987 ho iniziato la mia attività come insegnante d'informatica in un Istituto Professionale Statale - per circa due anni sono stato il più giovane insegnante di ruolo d'Italia. Ho avuto svariate esperienze anche nel settore privato come sviluppatore (TPascal - lo ricordate? - VB, ASP e, più di recente VB.NET ed ASP.NET), ma soprattutto come docente e come divulgatore. Ho effettuato attività di formazione presso le più grandi realtà imprenditoriali italiane (IBM, Omnitel, Telecom Italia, TIM, Unicredito, Ekip, BNL, SSGRR), ma anche all'estero in qualità di docente e/o progettista di percorsi formativi; gli argomenti spaziano dal mondo Office fino al multimedia ed alla programmazione avanzata ASP ed ASP.NET. Ho collaborato con l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli, ho redatto articoli/tutorial per un'importante rivista informatica (Win98 Magazine), ed ho partecipato allo sviluppo di CD-Rom Multimediali (IBM, Selfin, BNL) curando personalmente la registrazione dei commenti audio ed il montaggio delle musiche (CoolEdit), l'eventuale connessione a database remoti, l'assemblaggio degli elementi testuali, grafici e multimediali (Director 8) fino alla creazione del master definitivo. Negli anni 1998-2000 ho collaborato con la Gazzetta dello Sport Online curando, in occasione dei più importanti avvenimenti sportivi (Mondiali ed Europei di calcio, Giro d'Italia, Campionato di Serie A) le pagine contenenti la traduzione in inglese e francese degli articoli in italiano. Il mio compito consisteva nell'inviare ai miei traduttori la cronaca in italiano, riceverne la traduzione, creare le pagine inglesi e francesi del sito www.gazzetta.it e pubblicarle sul server, il tutto entro 90 minuti dalla fine dell'evento. Nel frattempo, mi avvicinavo in maniera sempre più approfondita alle problematiche legate all'accessibilità di siti web, progettando percorsi di formazione ad hoc, ed aderendo entusiasticamente al progetto webaccessibile.org. Sono stato per diversi mesi membro del XML Protocol Working Group del W3C, ed attualmente partecipo ai lavoro del WAI Web Content Accessibility Guidelines (WCAG) Working Group e del E&O Education ad Outreach Working Group.

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    Link e informazioni