Skype su Linux e gli screen reader

Articolo di Franco Carinato e Diego Rondini

In questa rapida guida vedremo come utilizzare il programma di messaggistica istantanea Pidgin per poter utilizzare Skype, il quale nativamente non

Vediamo ora la procedura valida per Ubuntu, Debian e distribuzioni derivate.

Installazione di Skype

Come primo passo aggiungiamo la sorgente online di software di Skype. In questo modo sarà semplicissimo installare Skype e gli aggiornamenti verranno notificati tramite il sistema di aggiornamento del sistema. Il modo più rapido per aprire una riga di comando è premere Alt+F2 e digitare la stringa “gnome-terminal”. Ora inseriamo il seguente comando:

sudo echo "deb http://download.skype.com/linux/repos/debian/ stable non-free" > /etc/apt/sources.list.d/skype.list

In questo modo aggiungiamo l’indirizzo della sorgente software di Skype ad un file di sistema. Questo file permette al sistema di sapere che software è disponibile al quel dato indirizzo e se sono presenti nuove versioni aggiornate. Ora provvediamo a far utilizzare questo file “skype.list” e a farlo leggere al sistema. Inseriamo il seguente comando:

sudo apt-get update

Ora il sistema sa dove prelevare il software Skype, e noi non dobbiamo fare altro che dirgli che vogliamo installare Skype con il seguente comando:

sudo apt-get install skype

Il programma di installazione notificherà che è necessario installare altre componenti software (in particolare delle librerie chiamate libqt4-gui e libqt4-core); per procedere è necessario premere “y” e confermare con invio. Probabilmente verrà richiesta un’ulteriore conferma dovuta al fatto che il software non è autenticato con firma digitale, per confermare che si vuole procedere comunque all’installazione premere nuovamente “y” e confermare con invio.

Ora che abbiamo installato con successo Skype è necessario installare un componente aggiuntivo per Pidgin. Per questo non è disponibile una sorgente software quindi purtroppo non è possibile ricevere automaticamente gli aggiornamenti. In ogni caso la procedura di installazione manuale non è difficile.

Ci sono 2 sistemi per installare questo plugin:

  1. Completamente manuale
  2. Tramite pachetto deb

Installazione manuale del plugin

Da terminale creiamo l’apposita cartella se questa già non esiste:

mkdir -p ~/.purple/plugins

ci spostiamo in questa cartella

cd ~/.purple/plugins

e scarichiamo la libreria che fornirà il plugin

wget http://myjobspace.co.nz/images/pidgin/libskype.so

Tutto qui.. Ora possiamo passare alla configurazione dell’account in Pidgin

Installazione tramite pacchetto debian

Dalla solita riga di comando diamo il comando:

pwd

l’output di questo comando ci dice in che cartella siamo situati in questo momento. Per ottenere la lista delle sottocartelle digitare il comando:

ls

Per entrare in una determinata cartella diamo il comando:

cd nomecartella

per creare una nuova sottocartella della cartella attuale inseriamo il comando:

mkdir nomecartella

Una volta scelta la cartella in cui vogliamo scaricare il plugin, ci entriamo col comando cd e diamo il comando:

wget http://myjobspace.co.nz/images/pidgin/skype4pidgin.deb

Questo comando provvederà a scaricare il plugin dall’indirizzo fornito. Ora non resta altro che installare il plugin per:

sudo dpkg -i skype4pidgin.deb

Configurazione dell’account skype su Pidgin

Ora che abbiamo installato tutto il necessario procediamo alla configurazione. A questo punto abbiamo bisogno di configurare per la prima volta l’account skype. Riportiamo la sequenza di tasti da premere per effettuare l’accesso. Avviamo Skype dal menù delle applicazioni o al solito premendo Alt+F2 e digitando “skype”.

Nella prima schermata dobbiamo accettare la licenza, premiamo 2 volte tab e spazio per accettare.

Videata di Skype relativa all'accettazione della licenza d'uso

Nella seconda schermata dobbiamo inserire nome utente e password.

Digitiamo il nome utente, tab e digitiamo la password, tab e spazio per salvare la password, 2 volte tab e spazio per accedere.

Videata di Skype in cui inserire nome utente e password

A questo punto passiamo a configurare PIdgin.

ALT+F1, Applicazioni, Internet, Pidgin – Messaggistica Internet

Se non è stato ancora configurato alcun account in Pidgin, verrà presentata una procedura guidata, che presenta un pulsante Aggiungi.

Altimenti basta premere CTRL+a per entrare nel menu di configurazione degli account.

Nella scheda generale premere tab per entrare nelle opzio di accesso protocollo. Premere spazio per attivare la casella combinata a scorrere in baso tra i vari protocolli supportati da Pidgin fino a trovare Skype. Premere invio per confermare.

Premere tab per passare al secondo campo che chiede il nominativo pubblico.

Digitare il nome utente di skype (anche se in realtà potete inserire quel che volete in questo campo infatti questo campo non ha influenza sul funzionamento di Skype)

premere tab per entrare nel campo Pseudonimo locale.

Digitare il nome con cui volete compaia il vostro nome in pidgin (ha valenza solo locale, non per i vostri corrispondenti).

Premere tab per passsare al campo succesivo, che è opzionale..

Premete tab fino al tasto Salva e premere Spazio.

Si aprirà automaticamente Skype e apparirà una finestra (inaccessibile per accettare l’utilizzo del plugin)

Finestra di Skyper per l'autorizzazione ad utilizzare il plugin

basterà premere 3 volte tab spazio, tab ed ancora spazio per accettare.

Utilizzo del Plugin

Ora tra i contatti di Pidgin dovrebbero comparire anche i contatti di Skype, nell’omonimo gruppo.

Con i tasti cursore si possono scorrere i vari contatti.

Una volta selezionato un account premere invio per iniziare una sessione di chat

Per fare una chiamata vocale ci sono 2 metodi:

  1. Con il contatto selezionato premere il tasto che simula il tasto dx del mouse e scegliere Call
  2. Dal menu Account (accessibile tramite ATL+A) si scende col cursore fino ad incontrare l’account Skype creato in precedenza, si entra nel menu con la freccia a destra e si scende fino alla voce Call… Verrà chiesto il numero di telefono o l’id da chiamare. Una volta digitato manualmente, premere Invio

Per rispondere alle chiamate è semplice in quanto si aprirà automaticamente una finestra che ci permetterà di accettare o rifiutare la chiamata.

Problemi riscontrati

Ho riscontrato che in alcuni casi quando Pidgin cerca di far partire Skype, va in crash e si chiude.

Sembra che se Pidgin viene avviato quando Skype è già attivo e funzionante, tutto funzioni correttamente.

Happy hacking

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

  • Pattern visivi durante la navigazione o la ricerca in sito WebPattern visivi durante la navigazione o la ricerca in sito Web Traduzione - autorizzata dagli autori - dell'articolo "Eye Gaze Patterns while Searching vs. Browsing a Website", di Sav Shrestha e Kelsi Lenz, pubblicato su Usability […]
  • Contenuti alternativi e motori di ricercaContenuti alternativi e motori di ricerca Riprendendo, anche se solo in parte, una discussione iniziata in lista Itlists IWA Webaccessibile, ho ricevuto alcuni feedback personali da parte di utenti che mi […]
  • L’accessibilità di AJAXL’accessibilità di AJAX Traduzione dell'articolo "Ajax accessibility" di John Resig Una diffusa preoccupazione sulla maggior parte delle applicazioni Ajax riguarda la loro accessibilità. E' […]
  • Surf Right ToolbarSurf Right Toolbar Fino ad ora il panorama delle toolbar da installare su questo o quel browser era essenzialmente orientato al punto di vista dello sviluppatore, visto che è su di esso […]
  • Disabilità, diversità, accessibilità ed inclusione digitale Disabilità, diversità, accessibilità ed inclusione digitale Le Nazioni Unite nel 2006 hanno attivato un Forum da tenersi annualmente per un quinquennio, per allargare a tutti le discussioni sul futuro della rete attraverso un […]
Condividi:

Informazioni sull'autore

Roberto Castaldo
Roberto Castaldo
Sono nato e vivo a Napoli, ed opero professionalmente nel mondo dell'informatica da più di vent'anni. In realtà l'informatica, insieme alla musica e ad altre poche cose, è stato da sempre un mio chiodo fisso, e la buona sorte mi ha aiutato a trasformarlo in un mestiere. Sin dalle mie primissime esperienze lavorative - insegnavo dattilografia ed i primi rudimenti di informatica in una scuola privata - mi sono trovato a mio agio nel settore della formazione e della divulgazione, certamente aiutato dai miei studi classici. Nel 1987 ho iniziato la mia attività come insegnante d'informatica in un Istituto Professionale Statale - per circa due anni sono stato il più giovane insegnante di ruolo d'Italia. Ho avuto svariate esperienze anche nel settore privato come sviluppatore (TPascal - lo ricordate? - VB, ASP e, più di recente VB.NET ed ASP.NET), ma soprattutto come docente e come divulgatore. Ho effettuato attività di formazione presso le più grandi realtà imprenditoriali italiane (IBM, Omnitel, Telecom Italia, TIM, Unicredito, Ekip, BNL, SSGRR), ma anche all'estero in qualità di docente e/o progettista di percorsi formativi; gli argomenti spaziano dal mondo Office fino al multimedia ed alla programmazione avanzata ASP ed ASP.NET. Ho collaborato con l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli, ho redatto articoli/tutorial per un'importante rivista informatica (Win98 Magazine), ed ho partecipato allo sviluppo di CD-Rom Multimediali (IBM, Selfin, BNL) curando personalmente la registrazione dei commenti audio ed il montaggio delle musiche (CoolEdit), l'eventuale connessione a database remoti, l'assemblaggio degli elementi testuali, grafici e multimediali (Director 8) fino alla creazione del master definitivo. Negli anni 1998-2000 ho collaborato con la Gazzetta dello Sport Online curando, in occasione dei più importanti avvenimenti sportivi (Mondiali ed Europei di calcio, Giro d'Italia, Campionato di Serie A) le pagine contenenti la traduzione in inglese e francese degli articoli in italiano. Il mio compito consisteva nell'inviare ai miei traduttori la cronaca in italiano, riceverne la traduzione, creare le pagine inglesi e francesi del sito www.gazzetta.it e pubblicarle sul server, il tutto entro 90 minuti dalla fine dell'evento. Nel frattempo, mi avvicinavo in maniera sempre più approfondita alle problematiche legate all'accessibilità di siti web, progettando percorsi di formazione ad hoc, ed aderendo entusiasticamente al progetto webaccessibile.org. Sono stato per diversi mesi membro del XML Protocol Working Group del W3C, ed attualmente partecipo ai lavoro del WAI Web Content Accessibility Guidelines (WCAG) Working Group e del E&O Education ad Outreach Working Group.

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    Link e informazioni