Politica 2.0? Purtroppo non è per tutti!

Che il tanto decantato paradigma del Web 2.0 sia in grado di garantire maggiore partecipazione ed un livello di interazione più elevato pare assodato, anche se solo a livello teorico. Sul lato pratico, è altrettanto evidente che la creazione di applicazioni 2.0 non accessibili finisca col mortificare anche le potenzialità più interessanti ed intriganti.

Basta guardarsi in giro, e navigare – anche a tempo perso – sul Web, per accorgersene.

Per esempio, complice un articolo su Repubblica.it di Carmine Saviano, ho provato a dare un occhio ai siti dei tre candidati alla segreteria del Partito Democratico, nella speranza di trovare qualcosa di interessante

I siti che ho esplorato sono (in ordine strettamente alfabetico):

Non c’è che dire, il panorama che è emerso è a dir poco scoraggiante, nel senso che – ancora una volta – ci si ferma alla forma ed alla superficie, ma di sostanza ce n’è davvero poca

Non voglio approfondire l’aspetto squisitamente mediatico e comunicativo, non è il mio mestiere, e mi limito quindi ad evidenziare che:

  • Le interfacce utente appaiono alquanto piacevoli, talvolta un po’ confusionarie, e abbastanza “alla moda”;
  • Vi è un largo uso di elementi multimediali, su ogni home page c’è un video o un link indirizzato alla video gallery;
  • Viene fatto un utilizzo corposo dei social network, nel senso che in tutti i casi esaminati è possibile interfacciarsi alle pagine che i diretti interessati hanno su Facebook, Twitter, e così via.

Ma proviamo ad addentrarci e a testare – anche se in maniera non certo approfondita – l’accessibilità dei tre siti: nella tabella sottostante ho messo a confronto i seguenti parametri:

  • Validità del codice e del CSS: ho utilizzato i validatori del W3C
  • Presenza di struttura ed intestazioni coerenti col contenuto della pagina
  • Contrasto colori: ho utilizzato il tool “Colour Contrast Analyser version 2
  • Immagini senza testo alternativo
  • Presenza di immagini contenenti testo
  • Possibilità di ridimensionare il testo (con Internet Explorer)
  • Layout tableless
  • Layout elastico (in grado di adattarsi alla grandezza della finestra del browser ed alla risoluzione del monitor)
  • Fruibilità senza Javascript
  • Leggibilità senza CSS
  • Presenza di video con sottotitoli

Si tratta di una serie di parametri non certo esaustivi, ma capaci di restituire una prima impressione sulla bontà del progetto originario e della sua implementazione, e su quanto si siano tenute in conto le esigenze di tutti i potenziali utenti di queste applicazioni.

Il tutto, sia ben chiaro, senza voler giudicare in maniera frettolosa e definitiva il lavoro altrui, ma con l’unico intento di dare un contributo concreto e fattivo al miglioramento del Web in Italia, testimoniando ancora una volta quanto sia essenziale che esso sia pensato, progettato e realizzato per tutti i suoi utenti, e non per una maggioranza più o meno numerosa.

22 settembre 2009
Bersani
http://www.bersanisegretario.it
Franceschini
http://www.dariofranceschini.it
Marino
http://www.ignaziomarino.it/
XHTML – CSS  validi
No – Sì
No – No
No – No
Intestazioni & struttura
No
No
No
Contrasto colori
No
No
No
Immagini senza testo alternativo
Immagini contenenti testo
Ridimensionamento testo (IE)
No
Parziale
Parziale
Layout tableless
Layout elastico
No
No
No
No Javascript?
No
No
Parziale
No CSS?
Difficoltoso
No
Difficoltoso
Video con sottotitoli??
No
No
No

I dati in tabella – credo – si commentano da soli e sono la dimostrazione di quanto la politica in Italia (non soltanto quella legata al Partito Democratico) sia ancora legata, come anche buona parte dei sedicenti professionisti del Web, alla cultura dell’apparire e dell’effimero.

La presenza contemporanea di immagini con scarso contrasto contenenti testo, di elementi testuali non sempre ridimensionabili e di layout fissi ottimizzati per risoluzioni specifiche, uniti all’assenza di molti testi alternativi equivalenti per le immagini, rendono – è intuitivo ed immediato comprenderlo – poco fruibili le pagine di questi siti Web da parte di utenti con difficoltà visive. Immagini colorate, contributi video (ma senza sottotitoli), ed interfacce in pieno stile 2.0 non bastano, non possono bastare… serve molta più attenzione agli utenti finali, a coloro che usano dispositivi mobili o che hanno connessioni non velocissime, agli utenti con disabilità… tante e diverse tipologie di individui che troveranno difficoltà – spesso insormontabili – nel fruire dei contenuti di questi siti Web

In queste condizioni anche gli spunti più interessanti resteranno confinati ad un sottoinsieme degli utenti potenzialmente interessati, in queste condizioni il Web continuerà ad essere destinato ad una – seppur grande – elite di utenti “fortunati”, in queste condizioni tutti i valori equalitari, democratici ed universali del Web resteranno sempre chiacchiere, anzi chiacchiere 2.0.

Ed è ora che i politici in Italia se ne accorgano e smettano di scimmiottare il “modello Obama”.

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

  • Twitter non è per tutti, e non è il solo.Twitter non è per tutti, e non è il solo. La notizia è vecchia, per la precisione risale al 23 settembre, data in cui sono stati conferiti i premi ACCESS-IT 2009, ma la riflessione è amara e purtroppo sempre […]
  • Un tuffo nel Web 2.0 accessibileUn tuffo nel Web 2.0 accessibile L'11 marzo, dalle ore 14.00 alle ore 17.00, si terrà a Padova la tavola rotonda "Un tuffo nel Web 2.0 accessibile", presso l'aula P56 del Dipartimento di Pediatria […]
  • Jaws: istruzioni per l’usoJaws: istruzioni per l’uso Articolo di Nunziante Esposito con integrazioni di Nicola Ferrando Con l'evolversi dei sistemi operativi e con l'esigenza dei disabili visivi, soprattutto i giovani […]
  • Calendario senza tabella? Da oggi è possibile!Calendario senza tabella? Da oggi è possibile! Ultimamente su una lista alla quale partecipo quotidianamente, è stata posta una domanda relativa a calendari accessibili e tabelle. Quella discussione ha […]
  • Ipovisione e accessibilità e fruibilità del webIpovisione e accessibilità e fruibilità del web Questa categoria di disabili è infatti particolarmente svantaggiata nell'attuale panorama di siti Internet, costruiti per la stragrande maggioranza con criteri per loro […]
Condividi:

Informazioni sull'autore

Roberto Castaldo
Roberto Castaldo
Sono nato e vivo a Napoli, ed opero professionalmente nel mondo dell'informatica da più di vent'anni. In realtà l'informatica, insieme alla musica e ad altre poche cose, è stato da sempre un mio chiodo fisso, e la buona sorte mi ha aiutato a trasformarlo in un mestiere. Sin dalle mie primissime esperienze lavorative - insegnavo dattilografia ed i primi rudimenti di informatica in una scuola privata - mi sono trovato a mio agio nel settore della formazione e della divulgazione, certamente aiutato dai miei studi classici. Nel 1987 ho iniziato la mia attività come insegnante d'informatica in un Istituto Professionale Statale - per circa due anni sono stato il più giovane insegnante di ruolo d'Italia. Ho avuto svariate esperienze anche nel settore privato come sviluppatore (TPascal - lo ricordate? - VB, ASP e, più di recente VB.NET ed ASP.NET), ma soprattutto come docente e come divulgatore. Ho effettuato attività di formazione presso le più grandi realtà imprenditoriali italiane (IBM, Omnitel, Telecom Italia, TIM, Unicredito, Ekip, BNL, SSGRR), ma anche all'estero in qualità di docente e/o progettista di percorsi formativi; gli argomenti spaziano dal mondo Office fino al multimedia ed alla programmazione avanzata ASP ed ASP.NET. Ho collaborato con l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli, ho redatto articoli/tutorial per un'importante rivista informatica (Win98 Magazine), ed ho partecipato allo sviluppo di CD-Rom Multimediali (IBM, Selfin, BNL) curando personalmente la registrazione dei commenti audio ed il montaggio delle musiche (CoolEdit), l'eventuale connessione a database remoti, l'assemblaggio degli elementi testuali, grafici e multimediali (Director 8) fino alla creazione del master definitivo. Negli anni 1998-2000 ho collaborato con la Gazzetta dello Sport Online curando, in occasione dei più importanti avvenimenti sportivi (Mondiali ed Europei di calcio, Giro d'Italia, Campionato di Serie A) le pagine contenenti la traduzione in inglese e francese degli articoli in italiano. Il mio compito consisteva nell'inviare ai miei traduttori la cronaca in italiano, riceverne la traduzione, creare le pagine inglesi e francesi del sito www.gazzetta.it e pubblicarle sul server, il tutto entro 90 minuti dalla fine dell'evento. Nel frattempo, mi avvicinavo in maniera sempre più approfondita alle problematiche legate all'accessibilità di siti web, progettando percorsi di formazione ad hoc, ed aderendo entusiasticamente al progetto webaccessibile.org. Sono stato per diversi mesi membro del XML Protocol Working Group del W3C, ed attualmente partecipo ai lavoro del WAI Web Content Accessibility Guidelines (WCAG) Working Group e del E&O Education ad Outreach Working Group.

Commenti

È presente 1 commento:

Rispondi

Link e informazioni