Moduli pdf e soluzioni accessibili

Articolo a cura di Gioacchino Cipriano

Ritorniamo ancora sui PDF accessibili e soluzioni accessibili per la produzione di file PDF.
A seguito di una videoconferenza con Massimiliano Martines (componente Commissione Osservatorio siti internet dell’Unione Italiana dei Ciechi) da me richiesta
 per chiarire alcuni problemi circa i file pdf e l’ipovisione, abbiamo analizzato alcuni punti, che ritengo possano essere interessanti per ulterori spunti di approfondimento.

Uno dei punti che abbiamo analizzato è relativo al modulo per l’inserimento dei dati per la successiva produzione di file PDF. L’attuale modulo presenta l’allineamento del testo delle etichette (label) a destra, mentre i campi input usano l’allineamento standard a sinistra.

Modulo con etichelle allineate a destra e campi allineati a sinistra

Con questo tipo di layout otteniamo che le etichette dei campi hanno un punto di lettura iniziale non uniforme, mentre le caselle di testo per l’input risultano perfettamente allineate.

A questo punto era fondamentale capire quale allineamento potesse agevolare la lettura e la compilazione dei campi.

Nella lettura normale di un testo, come ad esempio un articolo è sicuramente meglio utilizzare l’allineamento a sinistra, non è così nel caso di un modulo adatto agli individui con problemi visivi di vario tipo.

Negli esempi sottoriportati è possibile notare come, nel primo, la distanza che esiste  tra l’etichetta e il campo di editazione possa dare alcuni problemi nella ricerca dei campi di input che si trovano in posizione diversa rispetto all’area visualizzata (che può essere accentuata se la persona utilizza strumenti assistivi ad esempio tipo zoom) per cui questo tipo di allineamento diviene poco agevole.

Modulo con tutti gli elementi allineati a sinistra

Nel secondo esempio, allineando etichette e campi a sinistra, si crea una visualizzazione del modulo disuniforme, che a parte il senso estetico, creerebbe ulterioni problemi come, ad esempio la focalizzazione dei campi.

Modulo con campi che seguono le etichette

Sulla base di quanto detto emerge che la soluzione migliore risulta essere la prima che è stata adottata, ovvero: allineamento delle etichette a destra e allineamento standard a sinistra per i campi input.

Un altro argomento analizzato  è stato quello della gestione della personalizzazione dei colori dei documenti PDF con Acrobat Reader.

Alcuni gestionali, recentemente, offrono la possibilità di creare e stampare fatture, estratti conto ecc. in formato PDF.

Nella preparazione, a livello del programma gestionale,  del cosidetto fincato (ovvero la gabbia che conterrà i dati della fattura o altro documento), si utilizzano ad esempio immagini (per il logo) o aree rettangolari per determinare le aree grafiche del documento all’interno delle quali vengono inserite le aree di testo contenenti le informazioni come nell’esempio:

Esempio di elementi ingabbiati

Volendo con Acrobat Reader 7.0 personalizzare la visualizzazione con la sostituzione dei colori dal menu Modifica –> Preferenze –> Categoria –> Accessibilità, spesso si ottiene un risultato simile a quello sottoriportato.

Elementi ingabbiati con modifica dei colori

Come si potrà notare in alcune aree del documento non viene modificato il colore di sfondo e questo avviene perchè in fase di progettazione del fincato, creando le aree rettangolari, viene utilizzato un colore di riempimento.

Al momento non mi risulta che Acrobat Reader 7.0 gestisca i colori di sfondo delle aree rettangolari, ma si può pensare che a seguito di questa o altre segnalazioni Adobe possa intervenire per fornire il supporto di personalizzazione delle aree rettangolari.

Intervenendo tra l’altro a livello di fincato si perderebbe la parte grafica del documento che come si può notare non ha più lo sfondo grigio nella prima riga, mentre permetterebbe la personalizzaione dei colori, avendo impostato nessun colore di riempimento per lo sfondo.

Impaginazione alternativa degli elementi di un modulo

Un'altra alternativa con colori modificati

Un’altra cosa che potrebbe risultare superflua è taggare le immagini del documento PDF, ad esempio se è presente una foto, normalmente viene inserita una didascalia e fornire anche un’alternativa testuale dell’immagine diventa “rimbombante” specialmente agli utenti che usufruiscono di lettori di schermo.

Occorre anche tenere presente, secondo me, che nei file PDF, le immagini sono incorporate e quindi vengono caricate insieme al documento, mentre può capitare che ciò non avvenga in una pagina web, per cui in questo secondo caso ha più senso inserire il testo alternativo.

 

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Condividi:

Informazioni sull'autore

Roberto Castaldo
Roberto Castaldo
Sono nato e vivo a Napoli, ed opero professionalmente nel mondo dell'informatica da più di vent'anni. In realtà l'informatica, insieme alla musica e ad altre poche cose, è stato da sempre un mio chiodo fisso, e la buona sorte mi ha aiutato a trasformarlo in un mestiere. Sin dalle mie primissime esperienze lavorative - insegnavo dattilografia ed i primi rudimenti di informatica in una scuola privata - mi sono trovato a mio agio nel settore della formazione e della divulgazione, certamente aiutato dai miei studi classici. Nel 1987 ho iniziato la mia attività come insegnante d'informatica in un Istituto Professionale Statale - per circa due anni sono stato il più giovane insegnante di ruolo d'Italia. Ho avuto svariate esperienze anche nel settore privato come sviluppatore (TPascal - lo ricordate? - VB, ASP e, più di recente VB.NET ed ASP.NET), ma soprattutto come docente e come divulgatore. Ho effettuato attività di formazione presso le più grandi realtà imprenditoriali italiane (IBM, Omnitel, Telecom Italia, TIM, Unicredito, Ekip, BNL, SSGRR), ma anche all'estero in qualità di docente e/o progettista di percorsi formativi; gli argomenti spaziano dal mondo Office fino al multimedia ed alla programmazione avanzata ASP ed ASP.NET. Ho collaborato con l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli, ho redatto articoli/tutorial per un'importante rivista informatica (Win98 Magazine), ed ho partecipato allo sviluppo di CD-Rom Multimediali (IBM, Selfin, BNL) curando personalmente la registrazione dei commenti audio ed il montaggio delle musiche (CoolEdit), l'eventuale connessione a database remoti, l'assemblaggio degli elementi testuali, grafici e multimediali (Director 8) fino alla creazione del master definitivo. Negli anni 1998-2000 ho collaborato con la Gazzetta dello Sport Online curando, in occasione dei più importanti avvenimenti sportivi (Mondiali ed Europei di calcio, Giro d'Italia, Campionato di Serie A) le pagine contenenti la traduzione in inglese e francese degli articoli in italiano. Il mio compito consisteva nell'inviare ai miei traduttori la cronaca in italiano, riceverne la traduzione, creare le pagine inglesi e francesi del sito www.gazzetta.it e pubblicarle sul server, il tutto entro 90 minuti dalla fine dell'evento. Nel frattempo, mi avvicinavo in maniera sempre più approfondita alle problematiche legate all'accessibilità di siti web, progettando percorsi di formazione ad hoc, ed aderendo entusiasticamente al progetto webaccessibile.org. Sono stato per diversi mesi membro del XML Protocol Working Group del W3C, ed attualmente partecipo ai lavoro del WAI Web Content Accessibility Guidelines (WCAG) Working Group e del E&O Education ad Outreach Working Group.

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    Link e informazioni