Le WCAG 2.0 sono una raccomandazione del W3C

Uno standard del W3C definisce l’accessibilità per il Web della prossima generazione

Frutto di un grande impegno collaborativo, le WCAG 2.0 sono uno standard più flessibile e testabile, e garantiscono un passo in avanti per l’accessibilità del Web

Contatto per le Americhe e l’Australia — Ian Jacobs, , +1.718.260.9447

Contatto per l’Europa, Africa e Medio Oriente — Marie-Claire Forgue, , +33.492.38.75.94

Contatto per l’Asia — Fumihiro Kato , +81.466.49.1170

(Questo documento è disponibile in Inglese e Francese. Si consultino anche le traduzioni in altre lingue)

http://www.w3.org/ — 11 Dicembre 2008 – Il W3C annuncia la nascita di un nuovo standard che aiuterà i progettisti e sviluppatori Web a creare siti in grado di soddisfare meglio le esigenze degli utenti con disabilità ed anziani. Grazie ad un intenso lavoro e alla collaborazione della comunità, le WCAG (Linee Guida per l’Accessibilità dei Contenuti Web) 2.0 perfezionano il precedente standard per la creazione di contenuti Web accessibili.

Questo nuovo standard della Web Accessibility Initiative (WAI) del W3C migliorerà l’accessibilità di tutte le tipologie di contenuti (testo, immagini, audio e video) ed applicazioni Web. Le WCAG 2.0 sono testabili con più precisione, e garantiscono un maggior livello di flessibilità e una maggior spinta innovativa agli sviluppatori Web. Grazie agli strumenti di supporto tecnico e divulgativo, le WCAG 2.0 sono più semplici da comprendere ed applicare.

Le WCAG 2.0 rivolgono il loro sguardo agli ostacoli che impediscono l’accesso al Web alle persone con disabilità visiva, uditiva, fisica, cognitiva e neurologica, ed agli utenti anziani con problemi di accessibilità. Le WCAG 2.0 spiegano come rendere i contenuti:

  • Percepibili (favorendo, per esempio, alternative testuali alle immagini, sottotitoli ai contenuti audio, adattabilità della presentazione ed il giusto contrasto di colore)
  • Operabili (favorendo l’accesso tramite la tastiera, il contrasto di colore, la tempistica necessaria per l’input di dati, la navigabilità)
  • Comprensibili (facilitando la leggibilità, la prevedibilità, e l’aiuto nella fasi di input)
  • Robusti (incoraggiando, per esempio, la compatibilità con le tecnologie assistive)

Largo Supporto per le WCAG 2.0

“Le WCAG 2.0 si applicano a tutte le tecnologie Web, e questo garantisce che il Web si mantenga aperto alle persone con disabilità anche se si introducono continuamente nuove tecnologie. Si è tenuto conto di migliaia di commenti ricevuti durante lo sviluppo delle WCAG 2.0, riguardanti le necessità degli utenti e la fattibilità tecnica”, ha dichiarato Gregg Vanderheiden, Co-Direttore del gruppo di lavoro WCAG, e Presidente del Trace R&D Center presso l’Università del Wisconsin. “Le WCAG 2.0 rappresentano il risultato di un grandissimo lavoro collaborativo, e la loro forma finale è largamente supportata dalle aziende, dalle organizzazioni di disabili, dalla ricerca e dai governi. Questo equilibrio è essenziale affinché le WCAG 2.0 si pongano come uno standard internazionalmente condiviso per l’accessibilità del Web”.

Una vasta documentazione a supporto degli sviluppatori e dei politici include WCAG 2.0 at a Glance; WCAG 2.0 Documents; How to Meet WCAG 2.0: A Customizable Quick Reference; Understanding WCAG 2.0; e Techniques for WCAG 2.0. Sono già disponibili le techniques per l’HTML, CSS, SMIL, scripting e WAI-ARIA (Accessible Rich Internet Applications), e sono in via di sviluppo quelle per altre tecnologie Web. Le risorse per facilitare la transizione prevedono il documento How to Update Your Web Site to WCAG 2.0. Inoltre, Essential Components of Web Accessibility descrive la relazione esistente tra le WCAG 2.0 e le altre linee guida del progetto WAI (Web Accessibility Initiative), anch’esse prossime alla versione 2.0.

Un impatto di vasta portata

“L’accessibilità del Web garantisce il raggiungimento di una più vasta platea di utenti, supportando l’accesso al Web delle persone con disabilità, ma anche incrementando l’uso di una grande varietà di dispositivi mobili”, spiega Loretta Guarino Reid, Co-Direttore del gruppo di lavoro WCAG e Google Accessibility Engineer. “La comunità del Web ci ha aiutato nell’implementazione pratica delle WCAG 2.0 e nelle fasi di test su diverse tipologie di tecnologia Web, contenuti Web, applicazioni interattive e linguaggi naturali. Queste implementazioni di prova mostrano anche la continuità tra WCAG 1.0 e 2.0, dato che la gran parte dei siti conformi alle WCAG 1.0 non necessitano di modifiche significative per soddisfare le WCAG 2.0.”

A fronte di un già vasto utilizzo delle WCAG 1.0, l’interesse per l’adozione delle WCAG 2.0 da parte di organizzazioni e governi in tutto il mondo è ancora maggiore. Il documento Policy for Authorized W3C Translations intende semplificare la traduzione in lingue differenti.

“Nella recente Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti delle Persone con Disabilità, l’accesso alle informazioni ed alle tecnologie della comunicazione è riconosciuto per la prima volta a livello internazionale come un diritto umano”, dichiara George Kerscher, Segretario Generale del Consorzio DAISY. “Le WCAG 2.0 aiuteranno a rendere l’accesso alle informazioni una realtà in tutto il mondo”.

I partecipanti attuali e recenti nel gruppo di lavoro WCAG includono Adobe, AOL, Google, IBM, International Webmasters Association/HTML Writers’ Guild, Microsoft, NIST, SAP, e Vision Australia, oltre a singoli esperti (Invited Experts) provenienti dal mondo della ricerca, della disabilità, da governi ed organizzazioni interessate agli standard dell’Australia, Canada, Europa, Giappone e Stati Uniti. Inoltre, il vigoroso processo di revisione pubblica ha generato commenti provenienti da centinaia di organizzazioni e di persone in tutto il mondo.

Il W3C (World Wide Web Consortium)

Il World Wide Web Consortium (W3C) è un consorzio internazionale nel quale le organizzazioni, lo staff interno ed il pubblico operano congiuntamente per lo sviluppo degli standard del Web e di linee guida progettate per assicurare la crescita del Web nel lungo periodo. Sono membri del consorzio oltre 400 organizzazioni. Il W3C è attualmente gestito dal MIT Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory (MIT CSAIL) negli Stati Uniti, dal European Research Consortium for Informatics and Mathematics (ERCIM) avente sede in Francia e dalla Keio University in Giappone, e conta diciassette uffici esterni in tutto il mondo. Per maggiori informazioni, si può consultare http://www.w3.org

Web Accessibility Initiative (WAI)

La Web Accessibility Initiative (WAI) del W3C opera con organizzazioni di tutto il mondo per rendere il Web più accessibile per le persone con disabilità e per gli utenti anziani. Per conseguire questo scopo il progetto WAI si assicura che le tecnologie Web supportino l’accessibilità; sviluppa linee guida per i contenuti Web, per i browser ed i media players, e per gli strumenti di authoring; sviluppa risorse per supportare il miglioramento degli strumenti di valutazione; sviluppa risorse per la divulgazione e la formazione; ed inoltre coordina le proprie attività con quelle di ricerca e sviluppo in grado di influenzare la futura accessibilità del Web. La WAI è supportata in parte dall’U.S. Department of Education’s National Institute on Disability and Rehabilitation Research (NIDRR), dal European Commission’s Information Society Technologies Programme, da HP, IBM, Microsoft Corporation, SAP e Wells Fargo. Per maggiori informazioni, si può consultare http://www.w3.org/WAI

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

  • WCAG 2.0 Theme SongWCAG 2.0 Theme Song Per celebrare la pubblicazione della versione definitiva delle WCAG 2.0, David Mc Donald (membro del gruppo di lavoro WCAG) ha pubblicato un video musicale tutto da […]
  • WCAG 2.0: prima bozza in italianoWCAG 2.0: prima bozza in italiano La traduzione in italiano delle WCAG 2.0, autorizzata dal W3C all'inizio del 2009, inizia a prendere forma con la pubblicazione di una prima bozza dell'intero […]
  • WCAG 2.0 Proposed RecommendationWCAG 2.0 Proposed Recommendation Pian pianino ci si avvicina alla "meta"! Le WCAG 2.0 sono Proposed Recommendation. La versione aggiornata delle linee guida è disponibile nella sezione TR del W3C, […]
  • WCAG 2.0: la lunghezza non è un problemaWCAG 2.0: la lunghezza non è un problema Premessa Questo articolo è basato su una riflessione – apparsa per qualche giorno sul sito dell’Università della California http://www.csulb.edu - di Wayne Dick […]
  • L’accessibilità di AJAXL’accessibilità di AJAX Traduzione dell'articolo "Ajax accessibility" di John Resig Una diffusa preoccupazione sulla maggior parte delle applicazioni Ajax riguarda la loro accessibilità. E' […]
Condividi:

Informazioni sull'autore

Roberto Castaldo
Roberto Castaldo
Sono nato e vivo a Napoli, ed opero professionalmente nel mondo dell'informatica da più di vent'anni. In realtà l'informatica, insieme alla musica e ad altre poche cose, è stato da sempre un mio chiodo fisso, e la buona sorte mi ha aiutato a trasformarlo in un mestiere. Sin dalle mie primissime esperienze lavorative - insegnavo dattilografia ed i primi rudimenti di informatica in una scuola privata - mi sono trovato a mio agio nel settore della formazione e della divulgazione, certamente aiutato dai miei studi classici. Nel 1987 ho iniziato la mia attività come insegnante d'informatica in un Istituto Professionale Statale - per circa due anni sono stato il più giovane insegnante di ruolo d'Italia. Ho avuto svariate esperienze anche nel settore privato come sviluppatore (TPascal - lo ricordate? - VB, ASP e, più di recente VB.NET ed ASP.NET), ma soprattutto come docente e come divulgatore. Ho effettuato attività di formazione presso le più grandi realtà imprenditoriali italiane (IBM, Omnitel, Telecom Italia, TIM, Unicredito, Ekip, BNL, SSGRR), ma anche all'estero in qualità di docente e/o progettista di percorsi formativi; gli argomenti spaziano dal mondo Office fino al multimedia ed alla programmazione avanzata ASP ed ASP.NET. Ho collaborato con l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli, ho redatto articoli/tutorial per un'importante rivista informatica (Win98 Magazine), ed ho partecipato allo sviluppo di CD-Rom Multimediali (IBM, Selfin, BNL) curando personalmente la registrazione dei commenti audio ed il montaggio delle musiche (CoolEdit), l'eventuale connessione a database remoti, l'assemblaggio degli elementi testuali, grafici e multimediali (Director 8) fino alla creazione del master definitivo. Negli anni 1998-2000 ho collaborato con la Gazzetta dello Sport Online curando, in occasione dei più importanti avvenimenti sportivi (Mondiali ed Europei di calcio, Giro d'Italia, Campionato di Serie A) le pagine contenenti la traduzione in inglese e francese degli articoli in italiano. Il mio compito consisteva nell'inviare ai miei traduttori la cronaca in italiano, riceverne la traduzione, creare le pagine inglesi e francesi del sito www.gazzetta.it e pubblicarle sul server, il tutto entro 90 minuti dalla fine dell'evento. Nel frattempo, mi avvicinavo in maniera sempre più approfondita alle problematiche legate all'accessibilità di siti web, progettando percorsi di formazione ad hoc, ed aderendo entusiasticamente al progetto webaccessibile.org. Sono stato per diversi mesi membro del XML Protocol Working Group del W3C, ed attualmente partecipo ai lavoro del WAI Web Content Accessibility Guidelines (WCAG) Working Group e del E&O Education ad Outreach Working Group.

Commenti

È presente 1 commento:

Rispondi

Link e informazioni