Le nuove professioni del Web

Che significa al giorno d’oggi essere “webmaster”? Può significare tante cose, ma questo termine, che una volta consentiva di esprimere il concetto “io sono in grado di creare siti Web”, oggi finisce con l’assumere un significato molto, troppo generico.

Il concetto stesso di sito Web va evolvendosi di pari passo con l’evolversi della tecnologia a disposizione degli utenti e degli sviluppatori, ma anche di pari passo con le mutate esigenze delle aziende per le quali il Web rappresenta uno strumento indispensabile; gli obiettivi strategici di un sito Web aziendale possono essere molteplici, così come sono molteplici le tecnologie per implementare le funzionalità desiderate e le tipologie di utenti che se ne potranno giovare…

Cosa vuol dire allora Webmaster? Cosa significa “io so fare i siti Web”? Cosa bisogna sapere e saper fare per potersi definire Webmaster? Ha ancora senso definire la propria professionalità con questo termine, ed  utilizzarlo per proporsi sul mercato? Forse no, forse questa parola che una volta poteva significare quasi tutto, oggi non significa quasi nulla.

La verità è che – nel Web come in tanti settori – l’essere “generalisti” ed il pretendere di saper far tutto porta il più delle volte ad approcci generici col risultato di saper fare “bene” pochissime cose; la verità è che il webmaster “tuttofare” oggi non esiste praticamente più – se non a livelli amatoriali o poco più – e che un professionista del Web dovrebbe potersi specializzare in un’area specifica del suo settore, approfondendo conoscenze ed acquisendo abilità specifiche di quell’area, senza per questo disconoscere completamente il resto.

Lo sviluppo di un’applicazione Web non banale da parte di un’unica figura professionale è cosa d’altri tempi, quando il Web non era così complesso e composito come lo è oggi, quando approcci “semi-seri” permettevano in ogni caso di intercettare una certa domanda proveniente da un certo tipo di mercato. Oggi si parla di team, di squadra, ed il singolo professionista è chiamato ad interfacciarsi con altri colleghi e a confrontarsi con loro, condividendo le proprie conoscenze in favore del raggiungimento di scopi aziendali condivisi dall’intero gruppo di lavoro.

Di fatto il Web ha dimostrato la sua dirompente forza anche nel mondo delle attività e dei mestieri e qui ha “imposto” l’acquisizione di nuove conoscenze, di nuove abilità, in poche parole la nascita di nuove professioni.

Il rischio è che ciascuno non trovi di meglio che muoversi “a braccio”, inventandosi un mestiere nei modi più strani, seguendo vie diverse e strettamente legate ai propri gusti, alle proprie abitudini, ai propri “vizi”, giungendo quindi a livelli di conoscenza assolutamente aleatori e non schematizzabili… un ritorno al “fai da te” che ha caratterizzato l’inizio del Web, le sue fasi pionieristiche. Non è certo questo che si auspica, ma un approccio molto più sistematico in grado di garantire competenze minime omogenee e confrontabili.

A nuove professioni non possono che associarsi nuovi percorsi formativi, in grado di guidare i professionisti verso la corretta acquisizione di quanto richiesto per poter operare con tranquillità e consapevolezza, tenendo anche conto del fatto che il Web è un fenomeno planetario che deve essere affrontato con un minimo di organicità e di strutturazione. Per questa ragione il Web non può prescindere da una serie di punti fermi, i cosiddetti standard del Web, ed è per questo che esso ha bisogno di contributi “globali” come quello del W3C, che non a caso si occupa anche di formazione e divulgazione (Gruppo di lavoro Education and Outreach del progetto WAI http://www.w3.org/WAI/EO/Overview.html).

Credo che mai come oggi nel Web – ed in tutto il suo indotto – manchi la cultura della formazione che dovrebbe essere vista non come un plus su cui spendere quanto avanza dal bilancio ordinario, ma un must su cui investire in maniera consapevole, certi di seminare nel migliore dei modi e di raccogliere, nel medio periodo, la nascita di una nuova “razza” di professionisti del Web che condividono valori e conoscenze tecniche di base sulle quali fondare eventuali e successive specializzazioni.

Per esempio, nessun “addetto ai lavori” dovrebbe ignorare l’esistenza degli standard del Web, la loro valenza e le metodologie per la loro corretta applicazione; ciascuno poi sceglierà se e come applicarli. Ed ancora, argomenti forti ed universali come l’accessibilità del Web non possono basarsi su spinte divulgative e su percorsi formativi di carattere esclusivamente locale, senza nulla togliere alle iniziative dei singoli che però senza una visione globale rischiano di andare disperse e di non generare alcun valore.

In quest’ottica di continua rigenerazione, ben sapendo che ogni professionista – in tutti i campi – non può esimersi dal mantenersi aggiornato, pena la sua virtuale esclusione dai processi della produzione, IWA/HWG da sempre propone questa vision ai suoi 160.000 associati, e la esplicita su quattro fronti operativi:

  1. Formazione dei formatori: l’importanza del docente nell’economia di un seminario o di un corso di formazione è primaria, fondamentale. IWA vuol quindi garantire ai suoi associati di avere a che fare (nell’ambito delle sue attività) con docenti di prim’ordine in grado di avvalersi delle più moderne metodologie didattiche, ed è in procinto di avviare una serie di incontri e convegni con i futuri docenti, allo scopo di formare al meglio coloro che saranno chiamati ad erogare i percorsi formativi IWA.
  2. Seminari in-formativi di un giorno, in tutt’Italia, sugli argomenti maggiormente richiesti dalla comunità del Web http://educational.iwa-italy.org/
  3. Pubblicazione delle WAS (Web Accessibility Specialist) https://www.webaccessibile.org/was, percorsi formativi (sviluppati ma non erogati da IWA) legati a qualifiche professionali per il Web accessibile, che sono diventati lo standard in tutti i paesi in cui è presente IWA.
  4. Percorsi formativi europei (sviluppati ed erogati da IWA per i propri associati) per la nascita dei nuovi professionisti del Web . Un primo esempio è dato dall’I.E.A.S., Iwa European Accessibility Syllabus

 

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

  • Formazione ed accessibilità: qualcosa non va!Formazione ed accessibilità: qualcosa non va! Parlare di formazione nel settore dell’accessibilità del Web vuol dire toccare – volenti o nolenti – diversi fili scoperti, che partono […]
  • Pensare all’accessibilitàPensare all’accessibilità Più cerco di seguire i workgroup del W3C addentrandomi nelle tematiche dell’accessibilità e più mi pongo domande. Ho potuto cominciare ad […]
  • I.E.A.S. 2.0I.E.A.S. 2.0 Premessa Moduli Corsi Premessa Dopo quasi tre anni dalla prima release, IWA Italy ha sviluppato una versione rinnovata dei percorsi formativi IEAS […]
  • I.E.A.S.I.E.A.S. Da sempre la mission di IWA Italy è quella di dare forza e motivazioni ai propri associati, allo scopo di migliorarne […]
  • Armonizzare la formazione in EuropaArmonizzare la formazione in Europa Relazione (tradotta in italiano) tenuta da Roberto Castaldo durante il primo Forum Europeo sull’accessibilità del Web, “Accessible on-line services, a […]
Condividi:

Informazioni sull'autore

Roberto Castaldo
Roberto Castaldo
Sono nato e vivo a Napoli, ed opero professionalmente nel mondo dell'informatica da più di vent'anni. In realtà l'informatica, insieme alla musica e ad altre poche cose, è stato da sempre un mio chiodo fisso, e la buona sorte mi ha aiutato a trasformarlo in un mestiere. Sin dalle mie primissime esperienze lavorative - insegnavo dattilografia ed i primi rudimenti di informatica in una scuola privata - mi sono trovato a mio agio nel settore della formazione e della divulgazione, certamente aiutato dai miei studi classici. Nel 1987 ho iniziato la mia attività come insegnante d'informatica in un Istituto Professionale Statale - per circa due anni sono stato il più giovane insegnante di ruolo d'Italia. Ho avuto svariate esperienze anche nel settore privato come sviluppatore (TPascal - lo ricordate? - VB, ASP e, più di recente VB.NET ed ASP.NET), ma soprattutto come docente e come divulgatore. Ho effettuato attività di formazione presso le più grandi realtà imprenditoriali italiane (IBM, Omnitel, Telecom Italia, TIM, Unicredito, Ekip, BNL, SSGRR), ma anche all'estero in qualità di docente e/o progettista di percorsi formativi; gli argomenti spaziano dal mondo Office fino al multimedia ed alla programmazione avanzata ASP ed ASP.NET. Ho collaborato con l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli, ho redatto articoli/tutorial per un'importante rivista informatica (Win98 Magazine), ed ho partecipato allo sviluppo di CD-Rom Multimediali (IBM, Selfin, BNL) curando personalmente la registrazione dei commenti audio ed il montaggio delle musiche (CoolEdit), l'eventuale connessione a database remoti, l'assemblaggio degli elementi testuali, grafici e multimediali (Director 8) fino alla creazione del master definitivo. Negli anni 1998-2000 ho collaborato con la Gazzetta dello Sport Online curando, in occasione dei più importanti avvenimenti sportivi (Mondiali ed Europei di calcio, Giro d'Italia, Campionato di Serie A) le pagine contenenti la traduzione in inglese e francese degli articoli in italiano. Il mio compito consisteva nell'inviare ai miei traduttori la cronaca in italiano, riceverne la traduzione, creare le pagine inglesi e francesi del sito www.gazzetta.it e pubblicarle sul server, il tutto entro 90 minuti dalla fine dell'evento. Nel frattempo, mi avvicinavo in maniera sempre più approfondita alle problematiche legate all'accessibilità di siti web, progettando percorsi di formazione ad hoc, ed aderendo entusiasticamente al progetto webaccessibile.org. Sono stato per diversi mesi membro del XML Protocol Working Group del W3C, ed attualmente partecipo ai lavoro del WAI Web Content Accessibility Guidelines (WCAG) Working Group e del E&O Education ad Outreach Working Group.

Commenti

Sono presenti 2 commenti:

  1. […] Vi segnalo anche un paio di interessanti articoli:  Le Nuove Professioni del Web […]

  2. […] Vi segnalo anche un paio di interessanti articoli: Le Nuove Professioni del Web […]

Rispondi

Link e informazioni