Ipovisione: l’opinione della Commissione OSI

Nota del coordinatore di Webaccessibile.org:

Questo intervento, a cura della Commissione Osservatorio Siti Internet dell’Unione Italiana dei ciechi e degli Ipovedenti, rappresenta la risposta ad un articolo di Ileana Vescovi apparso su Punto Informatico il 12 settembre 2006.

Articolo a cura della Commissione OSI

La Commissione Osservatorio Siti Internet dell’Unione Italiana dei ciechi e degli Ipovedenti, seguendo da anni i problemi dell’ipovisione ed avendo letto con attenzione ed interesse l’articolo apparso sul sito specialistico punto informatico raggiungibile all’indirizzo  http://punto-informatico.it/pi.asp?id=1641462, ha il dovere di dire che questo articolo ha lasciato l’intera commissione assai perplessa, perche’ presenta palesi contraddizioni. Da un lato fornisce indicazioni generiche, mentre dall’altro da’ delle prescrizioni molto precise senza spiegarne le motivazioni, generando inevitabilmente confusione nei webmaster, destinatari dell’articolo, che gia’ fanno fatica a comprendere i problemi dell’ipovisione.

Qui di seguito riportiamo le incongruenze più evidenti, che emergono in quello che voleva essere un articolo di riferimento per webmaster.

  • Non vi è traccia dell’utilità, per l’orientamento, dell’uso ed implementazione dell’attributo hover, che consente di evidenziare i link quando l’ipovedente vi passa sopra con il mouse.
  • Non si capisce su quale base siano consigliati certi contrasti di colore.
  • Non è chiaro il discorso delle barre verticali, perche’ tutto dipende dalla struttura generale del sito, soprattutto dalla sua complessita’.
  • Spesso emergono problemi insormontabili, per una questione  di codici, quindi, non è consigliabile dare indicazioni perentorie.
  • In un altro passaggio si afferma che è meglio usare un “certo tipo di carattere”, pero’ non si spiega l’importanza della semplicità della struttura dei font.
  • Non si fa cenno ai problemi connessi al layout, limitandosi a dichiarare che il layout dev’essere semplice. In realta’ il layout dei siti e’ il problema principale, soprattutto quando c’e’ un esiguo spazio tra i link e quando i paragrafi sono troppo vicini l’uno all’altro.
  • Non si comprende la motivazione della seguente frase: “la verticalizzazione delle barre di navigazione agevola maggiormente l’utente nella lettura dei contenuti, in quanto il campo visivo su cui l’utente si deve concentrare e’ più delimitato. E’ chiaro che quando uno sceglie di cliccare sopra ad un argomento, gli apparira’ una pagina di testo anche lunga: stara’ al singolo individuo leggerne il contenuto o meno in base al suo interesse”. Questa affermazione non e’ sempre vera. Infatti, questo tipo di struttura in alcuni casi puo’ dare problemi di orientamento nella lettura, soprattutto se si legge il testo per mezzo di strumenti assistivi, occhiali o lenti. In definitiva, piu’ la struttura e’ omogenea, maggiore sara’ il giovamento per tutti. Pertanto, non si puo’ essere cosi’ categorici nel proporre un posizionamento ben definito delle barre di navigazione.
  • Si dichiara senza tentennamenti: “Il servizio di iscrizione alle news-letter o ad eventuali news group deve essere sempre in basso a destra.” Ciò e’ in netto contrasto con una “prescrizione” precedente, in cui si sostiene che il menu deve essere a sinistra, senza peraltro fornire le motivazioni su cui l’autore dell’articolo basa la sua teoria.
  • Infine, non si accenna al posizionamento dei link significativi, cosi’ come il motore di ricerca ed il relativo form di compilazione. Per non parlare dei form che richiedono l’inserimento di molti dati, che ormai abbondano nel web, i quali rappresentano un autentico problema per chi ha un deficit visivo, a causa della disposizione dei diversi elementi e della distanza tra i nomi dei campi ed i relativi controlli.
  • Nel proseguo dell’articolo si afferma genericamente che la legislazione italiana stabilisce norme ben precise per l’accessibilità, senza dare alcun riferimento concreto, ad es. alla Legge Stanca ed ai suoi regolamenti attuativi. In effetti, purtroppo, le norme vigenti danno pochissime indicazioni per quanto riguarda i problemi degli ipovedenti.

Secondo la Commissione OSI questo articolo ha ottenuto due risultati:

  1. Parlare di un argomento oggi molto dibattuto, l’accessibilita’, ma senza averne una visione completa.
  2. Generare molta confusione negli addetti ai lavori, specialmente quelli che non conoscono a fondo il mondo dell’ipovisione.

Non possiamo avallare questo tipo di informazione, perche’, trattandosi di argomenti molto delicati e complessi, si rischia di distorcere il grave problema dell’ipovisione, liquidandolo semplicisticamente.

Pensiamo che sia necessario stare molto attenti a trattare argomenti come questo, perche’ si rischia di ottenere l’effetto opposto a quello che sicuramente l’autore dell’articolo si era prefissato.

Per quello che e’ stato esposto sopra, la Commissione OSI ritiene che questo articolo sia stato controproducente, in quanto ha un approccio errato al problema dell’accessibilita’ del web per gli ipovedenti, problema complesso e di non facile soluzione, tanto e’ vero che la Commissione OSI e la Commissione Ipovedenti dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti hanno costituito un tavolo di lavoro. A questo tavolo partecipano professionisti sia del campo oftalmologico, sia del web design, sia di altre associazioni di disabili visivi, con il compito di elaborare alcune soluzioni tecniche, ad integrazione degli standard gia’ previsti dal W3C. L’obiettivo finale e’ quello di dare ai webmaster qualche riferimento oggettivo, scientificamente sostenibile, da poter utilizzare nella creazione dei siti web.

La Commissione Osservatorio siti internet
dell’Unione Italiana dei Ciechi ed ipovedenti.
commissioneosi@uiciechi.it
http://www.uiciechi.it/osi/

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

  • Moduli pdf e soluzioni accessibiliModuli pdf e soluzioni accessibili Articolo a cura di Gioacchino Cipriano Ritorniamo ancora sui PDF accessibili e soluzioni accessibili per la produzione di file PDF. A seguito di una videoconferenza […]
  • Jaws: istruzioni per l’usoJaws: istruzioni per l’uso Articolo di Nunziante Esposito con integrazioni di Nicola Ferrando Con l'evolversi dei sistemi operativi e con l'esigenza dei disabili visivi, soprattutto i giovani […]
  • Ipovisione e accessibilità e fruibilità del webIpovisione e accessibilità e fruibilità del web Questa categoria di disabili è infatti particolarmente svantaggiata nell'attuale panorama di siti Internet, costruiti per la stragrande maggioranza con criteri per loro […]
  • 2003 Anno Europeo del Disabile2003 Anno Europeo del Disabile Era dal 1981 che il Consiglio Europeo non proponeva di dedicare un intero anno per sostenere ed aiutare i disabili;  dati recenti affermano che in Europa ci sono […]
  • Scrivere una policy tecnica sull’accessibilità dei contenutiScrivere una policy tecnica sull’accessibilità dei contenuti L'importanza di una policy chiara e completa sugli aspetti tecnici dell'accessibilit? che sono stati seguiti durante la creazione di un sito Internet ? fuori […]
Condividi:

Informazioni sull'autore

Roberto Castaldo
Roberto Castaldo
Sono nato e vivo a Napoli, ed opero professionalmente nel mondo dell'informatica da più di vent'anni. In realtà l'informatica, insieme alla musica e ad altre poche cose, è stato da sempre un mio chiodo fisso, e la buona sorte mi ha aiutato a trasformarlo in un mestiere. Sin dalle mie primissime esperienze lavorative - insegnavo dattilografia ed i primi rudimenti di informatica in una scuola privata - mi sono trovato a mio agio nel settore della formazione e della divulgazione, certamente aiutato dai miei studi classici. Nel 1987 ho iniziato la mia attività come insegnante d'informatica in un Istituto Professionale Statale - per circa due anni sono stato il più giovane insegnante di ruolo d'Italia. Ho avuto svariate esperienze anche nel settore privato come sviluppatore (TPascal - lo ricordate? - VB, ASP e, più di recente VB.NET ed ASP.NET), ma soprattutto come docente e come divulgatore. Ho effettuato attività di formazione presso le più grandi realtà imprenditoriali italiane (IBM, Omnitel, Telecom Italia, TIM, Unicredito, Ekip, BNL, SSGRR), ma anche all'estero in qualità di docente e/o progettista di percorsi formativi; gli argomenti spaziano dal mondo Office fino al multimedia ed alla programmazione avanzata ASP ed ASP.NET. Ho collaborato con l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli, ho redatto articoli/tutorial per un'importante rivista informatica (Win98 Magazine), ed ho partecipato allo sviluppo di CD-Rom Multimediali (IBM, Selfin, BNL) curando personalmente la registrazione dei commenti audio ed il montaggio delle musiche (CoolEdit), l'eventuale connessione a database remoti, l'assemblaggio degli elementi testuali, grafici e multimediali (Director 8) fino alla creazione del master definitivo. Negli anni 1998-2000 ho collaborato con la Gazzetta dello Sport Online curando, in occasione dei più importanti avvenimenti sportivi (Mondiali ed Europei di calcio, Giro d'Italia, Campionato di Serie A) le pagine contenenti la traduzione in inglese e francese degli articoli in italiano. Il mio compito consisteva nell'inviare ai miei traduttori la cronaca in italiano, riceverne la traduzione, creare le pagine inglesi e francesi del sito www.gazzetta.it e pubblicarle sul server, il tutto entro 90 minuti dalla fine dell'evento. Nel frattempo, mi avvicinavo in maniera sempre più approfondita alle problematiche legate all'accessibilità di siti web, progettando percorsi di formazione ad hoc, ed aderendo entusiasticamente al progetto webaccessibile.org. Sono stato per diversi mesi membro del XML Protocol Working Group del W3C, ed attualmente partecipo ai lavoro del WAI Web Content Accessibility Guidelines (WCAG) Working Group e del E&O Education ad Outreach Working Group.

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    Link e informazioni