Accessibilità del Web: un anno di iniziative

Lunedì 15 dicembre al Centro Candiani di Mestre, si è svolto il convegno “Accessibilità del Web: un anno di iniziative”, momento di approfondimento sulle iniziative presenti e future per l’accesso universale al web, organizzato da IWA/HWG Italia e sponsorizzato da WatchFire http://www.watchfire.com/ (quelli di Bobby)

Il programma degli interventi https://www.webaccessibile.org/argomenti/evento.asp?ID=24 prevedeva la presenza dei più accreditati esperti di accessibilità in Italia e all’estero, del presidente del W3C Italia, nonché di autorevoli rappresentanti del mondo della politica e delle associazioni dei disabili.

In sala non c’era il tutto esaurito, complice certamente lo sciopero del trasporti locali, ma le aspettative dei presenti non sono certamente andate deluse; l’incontro è stato pieno di interventi e   spunti interessanti.

Si è partiti con il videomessaggio dell’Onorevole Campa, primo firmatario della proposta di Legge 3486, che ha ringraziato IWA/HWG Italia per il lavoro svolto e per il contributo fattivo e decisivo per l’approvazione di un buon testo di Legge, soprattutto attraverso il contributo della lista pdl3486 che ha permesso di avvicinare i lavori della Commissione parlamentare a tutti coloro che avevano qualcosa da dire… probabilmente il primo esempio in Italia di “democrazia elettronica”!

Ha preso poi la parola il Prof. Ridolfi, presidente della Commissione interministeriale per l’impiego delle ICT a favore delle categorie deboli o svantaggiate che, nel preannunciare l’imminente approvazione della Legge anche al Senato, ha ripercorso i punti salienti del provvedimento legislativo evidenziando come, con tutta probabilità, si tratti dell’unico atto concreto portato a termine in Italia nell’Anno del Disabile.

A seguire l’interessantissimo intervento di Oreste Signore, responsabile dell’Ufficio italiano del W3C www.w3c.it, che ha puntato l’attenzione sull’universalità del web, sulle finalità del W3C, e sui benefici di cui tutti godranno grazie ad un web accessibile.

Charles McCathieNevile ha proseguito illustrando la mission del consorzio Euroaccessibility www.euroaccessibility.org, ed ufficializzando l’ingresso al suo interno di IWA/HWG, suggellato dalla firma dell’atto di intesa da parte di Roberto Scano, presidente di IWA/HWG Italia.

E’ intervenuta, a seguire, Bianca Camino, rappresentante dell’ABI (associazione bancaria italiana) che ha parlato delle linee guida per l’accessibilità dei servizi di home banking, sviluppate – partendo dalle WCAG del WAI – all’interno di un gruppo di lavoro che ha visto come partecipanti i rappresentanti di molti istituti bancari italiani, delle associazioni dei disabili e di IWA/HWG come associazione degli sviluppatori.

Di seguito, Roberto Castaldo, coordinatore di WebAccessibile.Org, ha ripercorso un anno di attività e di successi che hanno fatto di webaccessibile.org la risorsa più conosciuta e stimata a livello nazionale sull’accessibilità, e di webaccessibile@itlists.org la lista più utilizzata su quest’argomento. E’ stato poi presentato il progetto GLA-ICS relativo ad un gruppo di lavoro per la redazione delle linee guida per l’accessibilità nel settore del servisi, dell’industria e del commercio.

Maurizio Vittoria ha poi illustrato il progetto CABI ed il lavoro svolto a questo proposito quest’anno, con particolare riferimento al corso di accessibilità per bibliotecari, organizzato con contributo della Provincia di Venezia e della Regione Veneto, tenuto nel mese di novembre tra Mestre e Venezia.

Ha preso poi la parola Andrea Bernardini, della Fondazione Ugo Bordoni, che ha relazionato sulle attività di WebxTutti www.webxtutti.it, fra le quali hanno destato maggior interesse gli studi sull’accessibilità di alcuni importanti siti e portali italiani e non, e la release della versione inglese del validatore Torquemada http://www.webxtutti.it/testa_en.htm

Giuseppe Fornaro, della commissione O.S.I. dell’Unione Italiana Ciechi, è tornato sul lavoro svolto con l’ABI ed IWA/HWG sulle linee guida per le applicazioni di home banking, ed ha poi evidenziato tutte le perplessità sul costume, assai diffuso in verità, di creare siti paralleli “dedicati” ai disabili nell’illusione di risolvere in questo modo le problematiche dell’accessibilità.

Non previsto dal programma, ma di estremo interesse e coinvolgimento, l’intervento di John Fischetti, rappresentante della F.I.S.H. (Federazione Italiana per il Superamento degli Handicap), che ha evidenziato alcuni aspetti poco convincenti del progetto di Legge (oggi approvato in via definitiva dal Senato).

Infine Lucia Baracco – progetto Lettura Agevolata del Comune di Venezia – ha analizzato le molteplici problematiche legate al concetto di leggibilità di un sito web, portando degli esempi emblematici di siti poco leggibili e, quindi, poco accessibili.

Al termine del programma, un breve ma utilissimo dibattito sulle questioni che hanno maggiormente colpito l’uditorio.

Riassumendo, abbiamo assistito ad un incontro utile ed interessante, ad un susseguirsi di voci autorevoli, di argomenti di grande attualità, di progetti di grandissimo impatto per l’anno corrente e per il prossimo.

Un arrivederci al prossimo incontro, a fine 2004!  

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

  • Pensare all’accessibilitàPensare all’accessibilità Più cerco di seguire i workgroup del W3C addentrandomi nelle tematiche dell’accessibilità e più mi pongo domande. Ho potuto cominciare ad […]
  • WAS – Web Accessibility SpecialistWAS – Web Accessibility Specialist Questo documento contiene le linee guida WAS (Web Accessibility Specialist), definite dal gruppo di lavoro IWA/HWG ed approvate in data 24 ottobre 2004 dall'Executive […]
  • Cominciare da giovaniCominciare da giovani In questa speciale sezione di webaccessibile dedicata alla formazione, è inevitabile rivolgersi ai giovani. L?accessibilità è una sfida che dà nuovo […]
  • Le nuove professioni del WebLe nuove professioni del Web Che significa al giorno d’oggi essere “webmaster”? Può significare tante cose, ma questo termine, che una volta consentiva di esprimere il […]
  • Formazione ed accessibilità: qualcosa non va!Formazione ed accessibilità: qualcosa non va! Parlare di formazione nel settore dell’accessibilità del Web vuol dire toccare – volenti o nolenti – diversi fili scoperti, che partono […]
Condividi:

Informazioni sull'autore

Roberto Castaldo
Roberto Castaldo
Sono nato e vivo a Napoli, ed opero professionalmente nel mondo dell'informatica da più di vent'anni. In realtà l'informatica, insieme alla musica e ad altre poche cose, è stato da sempre un mio chiodo fisso, e la buona sorte mi ha aiutato a trasformarlo in un mestiere. Sin dalle mie primissime esperienze lavorative - insegnavo dattilografia ed i primi rudimenti di informatica in una scuola privata - mi sono trovato a mio agio nel settore della formazione e della divulgazione, certamente aiutato dai miei studi classici. Nel 1987 ho iniziato la mia attività come insegnante d'informatica in un Istituto Professionale Statale - per circa due anni sono stato il più giovane insegnante di ruolo d'Italia. Ho avuto svariate esperienze anche nel settore privato come sviluppatore (TPascal - lo ricordate? - VB, ASP e, più di recente VB.NET ed ASP.NET), ma soprattutto come docente e come divulgatore. Ho effettuato attività di formazione presso le più grandi realtà imprenditoriali italiane (IBM, Omnitel, Telecom Italia, TIM, Unicredito, Ekip, BNL, SSGRR), ma anche all'estero in qualità di docente e/o progettista di percorsi formativi; gli argomenti spaziano dal mondo Office fino al multimedia ed alla programmazione avanzata ASP ed ASP.NET. Ho collaborato con l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli, ho redatto articoli/tutorial per un'importante rivista informatica (Win98 Magazine), ed ho partecipato allo sviluppo di CD-Rom Multimediali (IBM, Selfin, BNL) curando personalmente la registrazione dei commenti audio ed il montaggio delle musiche (CoolEdit), l'eventuale connessione a database remoti, l'assemblaggio degli elementi testuali, grafici e multimediali (Director 8) fino alla creazione del master definitivo. Negli anni 1998-2000 ho collaborato con la Gazzetta dello Sport Online curando, in occasione dei più importanti avvenimenti sportivi (Mondiali ed Europei di calcio, Giro d'Italia, Campionato di Serie A) le pagine contenenti la traduzione in inglese e francese degli articoli in italiano. Il mio compito consisteva nell'inviare ai miei traduttori la cronaca in italiano, riceverne la traduzione, creare le pagine inglesi e francesi del sito www.gazzetta.it e pubblicarle sul server, il tutto entro 90 minuti dalla fine dell'evento. Nel frattempo, mi avvicinavo in maniera sempre più approfondita alle problematiche legate all'accessibilità di siti web, progettando percorsi di formazione ad hoc, ed aderendo entusiasticamente al progetto webaccessibile.org. Sono stato per diversi mesi membro del XML Protocol Working Group del W3C, ed attualmente partecipo ai lavoro del WAI Web Content Accessibility Guidelines (WCAG) Working Group e del E&O Education ad Outreach Working Group.

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    Link e informazioni