Jaws: come personalizzarlo – Parte 8

Articolo di Nunziante Esposito

In questo ultimo articolo trattero’ come predisporre l’avvio, scegliendo in modo molto semplice, una delle varie versioni di Jaws che sono installate sulla propria macchina.

  1. Avviare una delle versioni di Jaws.
  2. Aprire le risorse del computer e scegliere il disco dove e’ installato Windows: di norma il disco C.

Qui, a seconda del sistema operativo utilizzato siamo obbligati a seguire due percorsi diversi, anche se solo per un breve tratto.

Windows 98/Millennium.
a. Digitare la lettera w, fino a quando non si sta’ sulla cartella Windows, e premere invio per entrare nella cartella.
b. Digitare la lettera m, fino a quando non si sta’ sulla cartella menu avvio, e premere invio per entrare nella cartella.

Windows 2000/XP:
a. premere la lettera D fino a trovare “Documents and Settings” e premere invio per entrare al suo interno.
b. Premere la lettera A, fino a trovare la cartella “All Users” e premere invio per entrare al suo interno. Se Jaws e’ stato installato non come amministratore, ma come utente, cercare la cartella con il nome dell’utente.
c. Premere la lettera M, fino a trovare la cartella “Menu Avvio” e premere invio per entrare al suo interno.

Da qui in avanti la procedura e’ unica per cui:

1. Digitare la lettera p, fino a quando non si sta’ sulla cartella programmi, e premere invio per entrare nella cartella.
2. Digitare la lettera j. Se non ci sono altre applicazioni il cui nome inizia per J, il cursore si posizionera’ sulla cartella della prima versione di Jaws installata. Premere invio per entrare nella cartella e premere j di nuovo per posizionarsi su Jaws.lnk. L’estensione del file potrebbe anche non essere letta.
3. Con alt, si apre la barra dei menu,freccia destra su modifica, freccia giu’ fino a copia ed invio. per fare prima copiare con il comando rapido control piu’ c.
4. Premere due volte il tasto back-space per tornare alla cartella menu avvio.
5. Digitare la combinazione di tasti insert piu’ t, per assicurarsi che si stia realmente nella cartella “Menu Avvio”.
6. Con alt, si apre la barra dei menu,freccia destra su modifica, freccia giu’ fino a incolla ed invio. per fare prima copiare con il comando rapido control piu’ v.
7. Siamo posizionati su jaws.lnk, premere f2, per rinominare il file, digitare la lettera j e premere invio. Abbiamo rinominato il file jaws.lnk in J.
8. Digitare la lettera p, fino a quando non si sta’ sulla cartella programmi, e premere invio per entrare nella cartella.
9. Digitare la lettera j, due volte, il cursore si posizionera’ sulla cartella della seconda versione di Jaws installata. Premere invio per entrare nella cartella, premere j di nuovo per posizionarsi su Jaws.lnk.
10. Con alt, si apre la barra dei menu,freccia destra su modifica, freccia giu’ fino a copia ed invio. per fare prima copiare con il comando rapido control piu’ c.
11. Premere due volte il tasto back-space per tornare alla cartella menu avvio.
12. Digitare la combinazione di tasti insert piu’ t, per assicurarsi che si stia realmente nella cartella menu avvio.
13. Con alt, si apre la barra dei menu,freccia destra su modifica, freccia giu’ fino a incolla ed invio. per fare prima copiare con il comando rapido control piu’ v.
14. Siamo posizionati su jaws.lnk, premere f2 per rinominare il file, digitare la lettera K e premere invio. Abbiamo rinominato il file jaws.lnk in K.

Se occorresse utilizzare una terza versione, cosa poco probabile, ripetere la procedura illustrata sopra, aggiungendo una terza lettera.

Qualunque sia il sistema operativo usato, premere alt piu’ F4 fino a chiudere tutte le finestre aperte.

Con queste modifiche apportate, Quando si ha la necessita’ di riavviare Jaws dopo averlo scaricato con il comando insert piu’ F4, oppure se si desidera cambiare versione per i piu’ svariati motivi, l’avvio di una delle due versioni di Jaws avverra’ premendo in sequenza il tasto Windows e poi la lettera corrispondente alla versione come da noi inserita.

Penso che e’ superfluo dire che al posto delle due lettere J e K, si possono inserire le lettere che vogliamo oppure dei numeri. Si puo’ ad esempio, avendo installato la versione 4.51 e la 5.10, mettere al posto della J il numero 4 e al posto della K il numero 5.

In questo modo, dopo aver aperto il menu di avvio, digitando il numero 4, si avvia la 451, mentre digitando il 5, si avvia la versione 510. Questo e’ un modo semplice per avviare versioni differenti di Jaws senza bisogno di ricordare tasti caldi.

 

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

  • Jaws: come personalizzarlo – Parte 7Jaws: come personalizzarlo – Parte 7 Articolo di Nunziante Esposito Continuiamo il discorso per la personalizzazione di Jaws al fine di renderlo il piu' possibile aderente alle nostre esigenze. Siccome, […]
  • Uso di Jaws con un display BrailleUso di Jaws con un display Braille Articolo di Nicola Ferrando Le opzioni Braille di Jaws sono suddivise in due gruppi: opzioni base e opzioni avanzate. Le opzioni base si trovano nel menu contestuale […]
  • Jaws: istruzioni per l’usoJaws: istruzioni per l’uso Articolo di Nunziante Esposito con integrazioni di Nicola Ferrando Con l'evolversi dei sistemi operativi e con l'esigenza dei disabili visivi, soprattutto i giovani […]
  • Jaws: combinazioni di tastiJaws: combinazioni di tasti Articolo di Nicola Ferrando Quando vogliamo sapere a cosa serve una combinazione di tasti, dobbiamo ricorrere all'aiuto tastiera di Jaws. Premiamo Insert+1 della […]
  • Jaws: come personalizzarlo – Parte 2Jaws: come personalizzarlo – Parte 2 Articolo di Nunziante Esposito Il menu' successivo a quelli visti la volta scorsa, e' quello delle utility. Insert piu' j, e la sintesi ci dira': Jaws. alt, freccia […]
Condividi:

Informazioni sull'autore

Roberto Castaldo
Roberto Castaldo
Sono nato e vivo a Napoli, ed opero professionalmente nel mondo dell'informatica da più di vent'anni. In realtà l'informatica, insieme alla musica e ad altre poche cose, è stato da sempre un mio chiodo fisso, e la buona sorte mi ha aiutato a trasformarlo in un mestiere. Sin dalle mie primissime esperienze lavorative - insegnavo dattilografia ed i primi rudimenti di informatica in una scuola privata - mi sono trovato a mio agio nel settore della formazione e della divulgazione, certamente aiutato dai miei studi classici. Nel 1987 ho iniziato la mia attività come insegnante d'informatica in un Istituto Professionale Statale - per circa due anni sono stato il più giovane insegnante di ruolo d'Italia. Ho avuto svariate esperienze anche nel settore privato come sviluppatore (TPascal - lo ricordate? - VB, ASP e, più di recente VB.NET ed ASP.NET), ma soprattutto come docente e come divulgatore. Ho effettuato attività di formazione presso le più grandi realtà imprenditoriali italiane (IBM, Omnitel, Telecom Italia, TIM, Unicredito, Ekip, BNL, SSGRR), ma anche all'estero in qualità di docente e/o progettista di percorsi formativi; gli argomenti spaziano dal mondo Office fino al multimedia ed alla programmazione avanzata ASP ed ASP.NET. Ho collaborato con l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli, ho redatto articoli/tutorial per un'importante rivista informatica (Win98 Magazine), ed ho partecipato allo sviluppo di CD-Rom Multimediali (IBM, Selfin, BNL) curando personalmente la registrazione dei commenti audio ed il montaggio delle musiche (CoolEdit), l'eventuale connessione a database remoti, l'assemblaggio degli elementi testuali, grafici e multimediali (Director 8) fino alla creazione del master definitivo. Negli anni 1998-2000 ho collaborato con la Gazzetta dello Sport Online curando, in occasione dei più importanti avvenimenti sportivi (Mondiali ed Europei di calcio, Giro d'Italia, Campionato di Serie A) le pagine contenenti la traduzione in inglese e francese degli articoli in italiano. Il mio compito consisteva nell'inviare ai miei traduttori la cronaca in italiano, riceverne la traduzione, creare le pagine inglesi e francesi del sito www.gazzetta.it e pubblicarle sul server, il tutto entro 90 minuti dalla fine dell'evento. Nel frattempo, mi avvicinavo in maniera sempre più approfondita alle problematiche legate all'accessibilità di siti web, progettando percorsi di formazione ad hoc, ed aderendo entusiasticamente al progetto webaccessibile.org. Sono stato per diversi mesi membro del XML Protocol Working Group del W3C, ed attualmente partecipo ai lavoro del WAI Web Content Accessibility Guidelines (WCAG) Working Group e del E&O Education ad Outreach Working Group.

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    Link e informazioni