Introduzione all’argomento

Chissà quali capolavori d’arte e cultura avrebbero potuto realizzare ingegni straordinari come Leonardo da Vinci o grandi eruditi come Benedetto Croce, se avessero avuto a disposizione la sterminata mole di informazioni che Internet oggi rende accessibile a chiunque abbia un computer ed un modem collegati alla Rete?

Accessibile? Ma cosa sto dicendo? Quante migliaia di siti sono costruite oggi con criteri grafici e logici talmente assurdi, da essere l’antitesi dell’accessibilità! Da costringere anzi il lettore a fuggire dalle loro pagine nonostante la ricchezza dei contenuti in esse presenti.

Ci troviamo in molti casi di fronte ad un vero e proprio paradosso: argomenti interessantissimi, ricerche complesse ed importanti, materiali bibliografici di sicuro interesse nascosti dietro caratteri piccolissimi, sfondi grafici proteiformi, animazioni interminabili ed orrende… Una vera e propria fiera dell’assurdo, che sembra uscita dalla fantasia di un Edgar Allan Poe in vena di divertirsi alle spalle del lettore.

A vedere molte delle impaginazioni oggi in voga, anche tra i siti che vanno per la maggiore, mi viene in mente un’analogia con quello che accadeva nel mondo della musica tra la fine degli anni ’60 e l’inizio degli anni ’70. Mi riferisco a quel periodo in cui sorsero come funghi schiere di musicisti sperimentali, che componevano musiche inascoltabili, sature di effetti speciali prodotti dalla prima generazione di sintetizzatori elettronici.

Sul Web accade qualcosa di analogo: migliaia di effetti di impaginazione usati per il gusto di usarli, senza alcun discernimento degli effetti sulla leggibilità e con la pretesa di un valore estetico che – ne sono sicuro – costringerebbe un Raffaello al suicidio, se avesse la sfortuna di rinascere ai nostri giorni.

Di fronte a questo proliferare di pagine illeggibili e di accostamenti grafici improponibili, il lavoro di Franco Frascolla giunge come una specie di bagno purificatore. I consigli dell’autore sono mirati ad alleviare i problemi degli ipovedenti, la categoria in assoluto più svantaggiata tra gli utilizzatori di Internet. Ma pagine web che tenessero conto di tali consigli sarebbero una manna anche per quella gran quantità di lettori normodotati, che trovano faticosissimo e scoraggiante leggere testi grandi quanto capocchie di spillo, posti su improbabili sfondi arcobaleno o dentro funeree gabbie nere, per giunta di cattivo augurio!

Infine due parole sull’autore. Ho conosciuto da poco Franco Frascolla, ma mi ha dato immediatamente un’impressione positiva. È infatti una di quelle rare persone che è riuscita a fare di un problema personale piuttosto serio (l’ipovisione) non un’occasione di autocommiserazione, ma un valido strumento di lavoro e di guadagno nonché – cosa più importante ancora – un’occasione per rendersi utile al prossimo, come dimostrano i software di ausilio per ipovedenti che ha realizzato e che sono gratuitamente a disposizione di tutti sul suo sito www.francofrascolla.it.

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

  • PremessaPremessa Un disabile visivo (non vedente o ipovedente), uditivo, motorio, può trovarsi in serie difficoltà se messo di fronte a soluzioni tecnologiche difficilmente o affatto […]
  • Seconda parte – l’adattabilitàSeconda parte – l’adattabilità I fogli di stile La risoluzione dello schermo La visualizzazione e il sistema operativo I "filtri" del browser I fogli di stile I fogli di stile, […]
  • Prima parte – le basi del Web e l’accessibilitàPrima parte – le basi del Web e l’accessibilità Dimensioni del testo Tipi di carattere Attributi del testo Allineamento del testo Organizzazione/distribuzione del testo Contrasto testo-sfondo Il testo nella […]
  • Terza parte – vademecum e test di verificaTerza parte – vademecum e test di verifica Riepilogo delle "Indicazioni" Test di verifica Riepilogo delle "Indicazioni" Al termine di questo breve, visto il tema, e spero utile excursus all'interno […]
  • Ipovisione e accessibilità e fruibilità del webIpovisione e accessibilità e fruibilità del web Questa categoria di disabili è infatti particolarmente svantaggiata nell'attuale panorama di siti Internet, costruiti per la stragrande maggioranza con criteri per loro […]
Condividi:

Informazioni sull'autore

Franco Frascolla
Franco Frascolla
Sono nato a Vieste (Foggia) nel 1966 e sono ipovedente "ventesimista" dalla nascita. Ho frequentato le scuole elementari presso l'Ist. Romagnoli di Roma. Nel 1981 mi sono imbarcato sul maestoso piroscafo che avrebbe dovuto portarmi al conseguimento del diploma in pianoforte presso il conservatorio di Napoli; ma dopo qualche anno sono (felicemente) naufragato a suonare la batteria nelle cantine lombarde, regione che mi ospita, mio malgrado, dal 1985. Durante i nove anni di lavoro come centralinista telefonico (1988-97), mi sono avvicinato all'informatica. Il primo impatto è stato l'aggiornamento di un elenco di "numeri brevi" in un database di Lotus Approach... Da lì è partita la malcerta esperienza da autodidatta in questo mondo di bugs e di bug-ati... :-) E' stato per caso e con naturalezza che mi sono avvicinato all'accessibilità informatica a favore dei disabili visivi. La prima esperienza nel campo, fortemente incentivata dal Prof. Flavio Fogarolo, è stata la  pubblicazione in rete della dispensa: "Infobraille - dal Braille tradizionale all'informatica" (05/1999). Hanno fatto seguito, sempre in collaborazione col Prof Fogarolo, lo sviluppo di "10dita - programma per apprendere il corretto utilizzo della tastiera" (09/1999) e "CoBra - Conoscere il Braille", destinato a insegnanti di sostegno e adulti "vedenti" in genere (02/2001); entrambi i programmi sono stati sviluppati in VB6. Nel frattempo ho collaborato e assistito al parto del Progetto Lettura Agevolata del Comune di Venezia, ho avviato la mailing-list Ipovisione e iniziato la collaborazione con l'Associazione Nazionale Subvedenti (www.subvedenti.it). Sono webmaster di me stesso... della citata associazione e faccio parte della redazione di Temporis, periodico mensile on-line (www.temporis.org); oltre che suonare, ascoltare e parlare di musica, mi piace scrivere... Ultimamente mi sono calato nelle vesti di docente in un corso di preparazione alla patente ECDL rivolto a disabili visivi, ho collaborato alla realizzazione di un manuale d'uso per Borland C++ Builder, sempre per disabili visivi e ho redatto il saggio: "Ipovisione e accessibilità e fruibilità del web"; è grazie a quest'ultima fatica che avete la possibilità di leggermi su queste pagine. Mi pare di non aver dimenticato nulla di importante. A rileggerci e... webaccessibile a tutti!

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    Link e informazioni