Accessibilità: le dichiarazioni delle regioni

Il 23 settembre 2020 è stata una data cruciale per le pubbliche amministrazioni in tutta Europa, in quanto era necessario provvedere ad alcuni adempimenti in tema di accessibilità.

Tra gli adempimenti previsti vi è la dichiarazione di accessibilità, ovvero un obbligo previsto dalla legge n. 4/2004 che al suo interno deve prevedere, tra l’altro il risultato dell’autovalutazione e/o valutazione fatta da terzi del sito web nonché il meccanismo di feedback, ovvero la modalità con cui un cittadino può contattare l’amministrazione per segnalare eventuali problemi di accessibilità. Ove l’amministrazione non risponda risolvendo le istanze segnalate tramite il meccanismo di feedback entro 30 giorni l’utente si può rivolgere al Difensore Civico per il Digitale.

Nota importante. In questo articolo ci soffermeremo alle regioni ma non entreremo nel merito del contenuto delle dichiarazioni di accessibilità: ci limiteremo a verificare la corretta presenza della dichiarazione di accessibilità riservandoci in futuro di approfondire le dichiarazioni. In questo articolo inoltre ci si è limitati ai siti istituzionali delle regioni, fermo restando che l’obbligo di pubblicazione della dichiarazione di accessibilità vale per tutti i siti web afferenti all’amministrazione.

Chi deve farla?

Il responsabile per la transizione al digitale (RTD) è il soggetto titolato a tale attività. Per poterlo fare deve essere ufficialmente registrato per il ruolo all’interno dell’Indice delle Pubbliche Amministrazioni (IPA) perché solo in questo modo può accedere al sito dedicato dell’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) per l’inserimento delle dichiarazioni di accessibilità.

Entro quando?

Il termine formalmente entro cui pubblicare la dichiarazione di accessibilità per i siti web è stato il 23 settembre 2020, data in cui l’AgID ha effettuato l’acquisizione della prima dichiarazione. La successiva acquisizione sarà effettuata da AgID il 23 settembre di ogni anno e pertanto le amministrazioni possono inserire nuove dichiarazioni e/o aggiornare le esistenti in qualsiasi momento. Da quest’anno c’è un ulteriore adempimento, ossia l’estensione della dichiarazione anche per tutte le app mobili afferenti all’amministrazione – in questo caso entro il 23 giugno 2021.

Dove?

Come previsto dal capitolo 4.1 delle linee guida sull’accessibilità degli strumenti informatici, una volta compilata la dichiarazione on-line, il responsabile per la transizione al digitale dell’amministrazione riceve dall’AgID un collegamento, da esporre con la dicitura “Dichiarazione di accessibilità”:

  • nel footer, per quanto riguarda i siti web
  • nella sezione dedicata alle informazioni generali riportate nello store, per quanto riguarda l’applicazione mobile.

Nota bene. Solo a seguito della pubblicazione del link con la corretta dicitura AgID riterrà acquisita la dichiarazione.

E se non la pubblico?

Nel caso di mancata pubblicazione, fermo restando le responsabilità dirigenziali e le altre previste dall’art. 9 della legge n. 4/2004, l’amministrazione dovrà provvedere in due casi:

  • segnalazione da parte del cittadino tramite meccanismo di feedback (ove non presente, tramite i canali ufficiali di contatto dell’amministrazione);
  • richiamo da parte del Difensore Civico per il Digitale, a seguito di segnalazione da parte di AgID della mancata pubblicazione (art. 3-quinquies della legge n. 4/2004).

L’assenza della dichiarazione, tra l’altro, può anche significare l’assenza di iniziative volte alla valutazione dell’accessibilità degli strumenti informatici, tra le competenze assegnate dal Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD) al Responsabile per la transizione al digitale (art. 17 comma 1 lettera d).

La situazione delle regioni

Da una rapida analisi, la situazione delle regioni non è per nulla positiva.

Pubblicazione

Su 20 regioni analizzate:

  • 5 regioni (Basilicata, Lazio, Molise, Trentino – Alto Adige, Sicilia) hanno pubblicato la dichiarazione di accessibilità nel modo corretto, ovvero con un collegamento identificato dalle parole “Dichiarazione di accessibilità” che punta alla dichiarazione presso il sito di AgID.
  • 8 regioni (Abruzzo, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Piemonte, Sardegna, Valle D’Aosta) non hanno pubblicato il collegamento identificato dalle parole “Dichiarazione di accessibilità” ma un collegamento “Accessibilità” che punta ad una pagina interna nella quale è possibile identificare, tra altri contenuti, il collegamento alla dichiarazione presso il sito di AgID.
  • 7 regioni (Calabria, Campania, Lombardia, Puglia, Toscana, Umbria, Veneto) non hanno pubblicato la dichiarazione di accessibilità, ovvero non è presente il link “Dichiarazione di Accessibilità” con collegamento alla dichiarazione presso il sito di AgID.

Conformità dichiarata

Su 20 regioni analizzate:

  • una regione (Abruzzo) ha dichiarato di essere totalmente conforme;
  • una regione (Valle D’Aosta) ha dichiarato di non essere conforme (causa migrazione sito a nuova piattaforma);
  • 18 regioni hanno dichiarato la parziale conformità.

Tabella di riepilogo

Riepilogo dell’analisi effettuata in data 19 gennaio 2021.

Sito Web RegioneDichiarazione accessibilitàConformità dichiarataNote
Abruzzo
(2 / 4)
Dichiarazione AbruzzoConformeIn home non c’è link “Dichiarazione di accessibilità” ma solo “Accessibilità” che punta a pagina interna.
Basilicata
(3 / 4)
Dichiarazione BasilicataParzialmente conforme
Calabria
(0 / 4)
Non disponibileNessun link a “Dichiarazione di accessibilità”. Nessun link “Accessibilità” dalla home page.
Campania
(0 / 4)
Non disponibileNessun link a “Dichiarazione di accessibilità”. Nessun link “Accessibilità” dalla home page.
Emilia-Romagna/
(2 / 4)
Dichiarazione Emilia-RomagnaParzialmente conformeIn home non c’è link “Dichiarazione di accessibilità” ma solo “Accessibilità” che punta a pagina interna.
Friuli Venezia Giulia
(2 / 4)
Dichiarazione Friuli Venezia GiuliaParzialmente conformeIn home non c’è link “Dichiarazione di accessibilità” ma solo “Accessibilità” che punta a pagina interna.
Lazio
(3 / 4)
Dichiarazione LazioParzialmente conformeRiporta ancora il vecchio bollino della legge 4/2004.
Liguria
(2 / 4)
Dichiarazione LiguriaParzialmente conformeIn home non c’è link “Dichiarazione di accessibilità” ma solo “Accessibilità” che punta a pagina interna e ad ulteriore sottopagina che rimanda al link AgID.
Lombardia
(0 / 4)
Non disponibileIn home non c’è link “Dichiarazione di accessibilità” ma solo “Accessibilità” che punta a pagina interna che contiene una vecchia dichiarazione del 2017.
Marche
(3 / 4)
Dichiarazione MarcheParzialmente conformeIn home page c’è sia il link “Dichiarazione di accessibilità” sia il link “Accessibilità”.
Molise
(3 / 4)
Dichiarazione MoliseParzialmente conforme
Piemonte
(2 / 4)
Dichiarazione PiemonteConformeIn home non c’è link “Dichiarazione di accessibilità” ma solo “Accessibilità” che punta a pagina interna.
Puglia
(0 / 4)
Non disponibileIn home è presente il link “Dichiarazione di accessibilità” che riporta ad una pagina interna in cui si dichiara conformità alle WCAG 2.0 Livello AAA.
Sardegna
(2 / 4)
Dichiarazione SardegnaParzialmente conformeIn home non c’è link “Dichiarazione di accessibilità” ma solo “Accessibilità” che punta a pagina interna.
Sicilia
(3 / 4)
Dichiarazione Sicilia
Toscana
(0 / 4)
Non disponibileIn home page è presente il link “Accessibilità” che punta ad una pagina interna ma non alla dichiarazione di AgID.
Trentino-Alto Adige
(3 / 4)
Dichiarazione Trentino-Alto AdigeParzialmente conforme
Umbria
(0 / 4)
Non disponibileIn home page è presente il link “Accessibilità” che punta ad una pagina interna ma non alla dichiarazione di AgID.
Valle d’Aosta
(2 / 4)
Dichiarazione Valle d’AostaNon conformeIn home page è presente il link “Accessibilità” che punta ad una pagina interna ma non alla dichiarazione di AgID. Dichiarato come sito in aggiornamento.
Veneto
(0 / 4)
Non disponibileIn home page è presente il link “Accessibilità” che punta ad una pagina interna ma non alla dichiarazione di AgID.

La mappa delle dichiarazioni

Concludiamo l’articolo con la mappa delle regioni, dove è possibile trovare il link alla dichiarazione (già presente nella precedente tabella). Con riferimento alla tabella precedente, sono stati assegnati dei colori in base al risultato raggiunto secondo i seguenti criteri:

  • rosso: nessuna dichiarazione e nessun link (0 / 4);
  • arancione: dichiarazione pubblicata dopo i termini previsti (1 / 4);
  • giallo: dichiarazione pubblicata ma non con link come da linee guida (2 / 4);
  • verde chiaro: dichiarazione pubblicata correttamente con sito parzialmente conforme (3 / 4);
  • verde scuro: dichiarazione pubblicata correttamente e sito conforme (4 / 4).
Italia con regioni e link alle dichiarazioni di accessibilità ove presenti Val d'Aosta Piemonte Liguria Lombardia (Nessuna dichiarazione) Trentino Alto Adige Veneto (Nessuna dichiarazione) Friuli Venezia Giulia Emilia - Romagna Toscana (Nessuna dichiarazione) Marche Umbria (Nessuna dichiarazione) Lazio Abruzzo Molise Campania (Nessuna dichiarazione) Puglia (Nessuna dichiarazione) Basilicata Calabria (Nessuna dichiarazione) Sicilia (Nessuna dichiarazione) Sardegna

Roberto Scano

Roberto Scano si occupa di accessibilità dall'inizio del millennio. Ha collaborato allo sviluppo delle WCAG 2.0, delle ATAG 2.0 nonché della normativa italiana in materia di accessibilità. Autore di tre libri in materia, è consulente e formatore nell'ambito della tematica della qualità dei servizi delle P.A. e delle aziende.