Libri digitali accessibili? Il nuovo DM n.209 del 26 marzo 2013

Libri digitali accessibili? Il nuovo DM n.209 del 26 marzo 2013

Il comunicato stampa del MIUR apre affermando:

Scuola, Profumo firma Decreto in materia di adozioni dei testi scolastici.
A partire dall’anno scolastico 2014/2015 solo libri digitali o misti
Un tablet per ogni studente e zaini più leggeri
Bloccati i prezzi di copertina
Ridotti i tetti di spesa. Sforbiciata fino al 30% 

In effetti le novità introdotte sono molte e definitive, tanto da scatenare l’ira della cosidetta “Filiera Del Libro“. Sarebbe troppo facile fare dell’ironia sulle motivazioni sollevate, soprattutto quelle riguardo ai tempi troppo stretti. È dal 2008 che questa strada è segnata, peccato che gli editori abbiano sempre finto di non saperlo e osteggiato in ogni modo questo passaggio.

Comunque, è con particolare piacere che riporto una frase dall’Allegato 1 del decreto:

Il libro di testo in versione digitale tiene conto delle vigenti normative sull’accessibilità

Non male, vero?

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Condividi:

Informazioni sull'autore

Livio Mondini
Livio Mondini
La mia esperienza informatica inizia tanto tempo fa, c'era una volta Windows per il 386, Pagemaker 1.03, il DTP, il Mac costava troppo. La mia prima realizzazione editoriale è stata un volume sul Commodore 64, con Word 3 che sulla mia Apple LaserWriter non gestiva le lettere accentate. Un delirio. Da allora è passato tantissimo tempo, in tempo informatico un'eternità, e anche io sono cambiato. Da almeno dieci anni mi occupo di didattica, per strutture commerciali e no profit. I libri, di carta ed elettronici, vengono come naturale evoluzione: non trovavo documentazione adatta, e ho cominciato a produrre i manuali dei corsi autonomamente. Dopo un periodo nell'assistenza tecnica per le reti (sono certificato Apple e Novell), ho deciso di tornare a occuparmi principalmente di libri, e ho realizzato le versioni italiane di numerosi manuali, soprattutto riguardo il Web e gli strumenti che gli competono. Da qui al cross media il salto è breve, e l'accessibilità una scelta di progetto e di vita, senza limitarsi al Web.

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    Link e informazioni