Contenuti alternativi e motori di ricerca

Riprendendo, anche se solo in parte, una discussione iniziata in lista Itlists IWA Webaccessibile, ho ricevuto alcuni feedback personali da parte di utenti che mi chiedevano pareri sulla soglia limite che divide, agli occhi dei motori di ricerca, contenuti alternativi forniti per migliorare l’accessibilità dallo spam da loro virtualmente e giustamente punibile.

Ho potuto constatare ancora una volta che i gruppi di sviluppatori si dividono a grandi linee in due fazioni: quelli che inseriscono “romanzi” nascosti per descrivere pagine web con contenuti totalmente o quasi inaccessibili e coloro i quali con estrema prudenza evitano descrizioni nascoste se non strettamente necessarie ritenendo la cosa una “prova” certa utilizzata dal motore di ricerca per condannare il proprio sito, o ancora peggio quello del cliente, al ban inappellabile.

Ovviamente, in questo come in molti altri casi, la mezza via, ovvero quella del buon senso, è quella statisticamente più giusta.
Andiamo a capire il perché, prendendo Google come riferimento.

Uno degli scopi di un motore di ricerca è appunto fornire risultati attendibili e di qualità ai propri utenti che lo utilizzano per cercare una informazione ed un risultato attendibile, naturalmente secondo le regole attraverso le quali essi vengono ordinati, dipende anche dal numero di informazioni che esso possiede all’interno del suo database.

Partendo quindi dal presupposto che lo spider di un motore di ricerca navighi similmente ad un browser testuale, appare ora lampante come un contenuto alternativo abbia grande importanza, tanto 10 anni fa nelle “Web Content Accessibility Guidelines 1.0″

Note that, in addition to benefitting users with disabilities, text equivalents can help all users find pages more quickly, since search robots can use the text when indexing the pages.

quanto ora all’interno del “Google Webmaster Help Center”

If you’re using text to try to describe something search engines can’t access – for example, Javascript, images, or Flash files – remember that many human visitors using screen readers, mobile browsers, browsers without plug-ins, and slow connections will not be able to view that content either. Using descriptive text for these items will improve the accessibility of your site.

La differenza intercorsa nel tempo e al centro del nostro breve articolo sta purtroppo nel fatto che, proprio a causa della grande importanza che i motori di ricerca danno ai testi alternativi forniti per aumentare l’accessibilità delle pagine web, molti webmasters hanno, discutibilmente, abusato di tale tecnica facendo oggi accendere la luce di allarme “cloaking” quando un bot se ne imbatte.

Il cloaking è infatti una speciale tecnica di spam tramite la quale, semplificando, vengono inclusi nelle pagine web contenuti appositi non visibili agli utenti con lo scopo di favorirne l’indicizzazione ed il posizionamento.

Per fortuna, come spesso accade, Google e gli altri motori di ricerca non penalizzano i siti che forniscono contenuti alternativi al solo ed unico scopo di fornire una maggiore accessibilità, ma passano tali siti attraverso algoritmi e filtri bayesiani che dividono, oltretutto con una buona tolleranza, i buoni da quelli meno buoni.

La buona prassi è quindi fornire, sempre ove utile per l’utente, contenuti alternativi come ribadito 10 anni dopo il W3C dallo stesso Matt Cutts, oggi a capo della squadra webspam di Google nel blog ufficiale per webmasters, con responsabilità e coscienza del mezzo tecnico e mantenendo l’equilibrio progettuale abbondantemente equidistante da allarmismo ed eccessivo permissivismo.

I vostri utenti ringrazieranno voi e voi ringrazierete i motori di ricerca.

Bibliografia:

Da W3.org in merito alle WCAG 1.0

Da Google.com

Da Wikipedia.org

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

  • L’accessibilità di AJAX

    L’accessibilità di AJAX

    Traduzione dell'articolo "Ajax accessibility" di John Resig Una diffusa preoccupazione sulla maggior parte delle applicazioni Ajax riguarda la loro accessibilità. E' vero che è po...
  • Pornografia accessibile per chi non vede

    Pornografia accessibile per chi non vede

    Da uno spunto goliardico è possibile trarre conclusioni sul perché è utile, oltre che giusto, curare l'accessibilita' dei conentuti multimediali rendendoli multmodali....
  • Le WCAG 2.0 sono una raccomandazione del W3C

    Le WCAG 2.0 sono una raccomandazione del W3C

    Uno standard del W3C definisce l’accessibilità per il Web della prossima generazione Frutto di un grande impegno collaborativo, le WCAG 2.0 sono uno standard più flessibile e test...
  • Editoria e tecnologie W3C: il punto di incontro

    Editoria e tecnologie W3C: il punto di incontro

    Il focus della discussione dovrebbe essere sui contenuti: limitandosi a "carta vs. e-book" si identifica il prodotto editoriale come se questo fosse rappresentato esclusivamente da...
  • WCAG 2.0: prima bozza in italiano

    WCAG 2.0: prima bozza in italiano

    La traduzione in italiano delle WCAG 2.0, autorizzata dal W3C all'inizio del 2009, inizia a prendere forma con la pubblicazione di una prima bozza dell'intero documento. Il grupp...
Condividi:

Informazioni sull'autore

Massimiliano Navacchia
Massimiliano Navacchia
Massimiliano Navacchia è web project manager e internet specialist interessandosi a progetti di internet marketing, promozione sui motori di ricerca, standard web e accessibilità. Informazioni relative a Massimiliano Navacchia sono disponibili sul sito Navacchia.it Tutte le attività di Massimiliano Navacchia all'interno dell'associazione no profit IWA Italy sono svolte gratuitamente a titolo di volontariato.

Commenti

Nessun commento

    Rispondi

    http://www.webaccessibile.org/wp-content/plugins/wp-accessibility/toolbar/css/a11y-contrast.css

    Link e informazioni